Giovedì, 21 Ottobre 2021
Scuola

Maturità, voti, bocciatura, ricorsi: gli scenari 'scuola'

Si spera che i prossimi provvedimenti del Governo possano essere più specifici e possano permettere al comparto 'scuola' di capire come muoversi nei prossimi mesi ed in vista degli esami di maturità

In classe o a casa (proseguendo con la didattica a distanza), la scuola comunque finirà. La data limite è quella del 17 maggio, se verrà superata non si tornerà fisicamente tra i banchi.

E' invece possibile che, nel rispetto dei calendari regionali, il prossimo anno scolastico possa cominciare un po' prima a settembre.

Capitolo maturità - Saranno ammessi tutti, anche coloro che avevano delle insufficienze. I professori (le commissioni saranno interne) spingono per mantenere almeno una prova scritta in modo da poter valutare meglio gli studenti. Appare però probabile che tutto verrà assorbito dalla prova orale. L'esame durerà più di un'ora ed i ragazzi saranno sottoposti a test di matematica o anche a piccole traduzioni. Il colloquio dovrebbe valere 60 punti al massimo, gli altri 40 verranno assegnati tenendo conto del terzo e quarto anno di superiori.

Voti - Anche in questo caso non c'è unanimità di vedute. Gli insegnanti prevalentemente vorrebbero fare una valutazione informale degli studenti senza mettere voti sul registro elettronico.

Bocciature - Alle scuole elementari e medie (anche l'esame di terza media potrebbe essere accorpato in un'unico esame orale) appare quasi impossibile che si possa verificare una cosa del genere perchè la procedura impone l'accordo di tutti i docenti, il coinvolgimento della famiglia e la messa in atto di un tentativo di recupero (circostanze che non si possono mettere in atto in questo momento). 

Possibile, per quanto riguarda le scuole superiori, che si verrà promossi con debito, da recuperare nella prima parte del nuovo anno scolastico. Il tutto anche per prevenire il rischio di ricorsi al Tar. In questo senso sono già molte le pubblicità di legali esperti in giustizia amministrativa e scuola. 

Si attende che nel prossimo DPCM ci possano essere delle indicazioni più chiare per capire effettivamente come muoversi nei prossimi mesi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maturità, voti, bocciatura, ricorsi: gli scenari 'scuola'

CataniaToday è in caricamento