rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Università

Nasce il laboratorio di scenografia al Centro universitario teatrale

L’iniziativa, lanciata dall’Università di Catania, prevede la collaborazione con il Teatro Stabile di Catania. Diciassette gli allievi coinvolti nel progetto

L’allestimento del Centro Universitario Teatrale sarà ideato e realizzato dagli studenti dell’ateneo catanese. Un’iniziativa lanciata nell’ambito del progetto dell’Università di Catania di rilancio del prestigioso spazio teatrale a misura di studente dove la pedagogia teatrale e musicale incontra la creatività. Uno spazio che ospiterà anche mostre, proiezioni, incontri, seminari di scrittura drammaturgica, reading e conversazioni pubbliche, progetti di inclusione sociale e di integrazione attiva e partecipata.

Le studentesse e gli studenti universitari etnei, quindi, anche in questo contesto, sono i “protagonisti” dell’Università di Catania grazie al Laboratorio teorico-pratico di scenografia che ha preso il via in questi giorni con il primo incontro nella sede del Centro Universitario Teatrale di piazza Università 13. Al laboratorio di formazione nel campo delle tecnologie applicate alla costruzione scenografica, organizzato dal Centro Universitario Teatrale in collaborazione con il Teatro Stabile di Catania, hanno aderito 17 studenti di diversi corsi di laurea dell’ateneo: Nathalie Barlotta, Sofia Bordieri, Valeria Bruno, Matteo Castiglia, Miryam Catalano, Marta D’Amico, Antonio Di Stefano, Simone Garro, Miriam Inzirillo, Antonio Lombardo, Cristiana Lus, Damiana Mangione, Eleonora Natoli, Michele Rispo, Nancy Salamone, Francesca Sanfilippo e Gabriele Spagnuolo.

Alla prima “lezione”, al Cut, sono intervenuti il docente Fernando Giovial,  con gli esperti Valentina Riva e Carmelo Marchese del Teatro Stabile di Catania diretto da Rita Gari Cinquegrana, Vittorio Fiore del Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania e responsabile scientifico del laboratorio, Maria Rosa De Luca, delegata ai Rapporti con il territorio e con le realtà culturali dell’ateneo catanese, Laura Vagnoni, componente del Comitato di gestione del Cut, e la dott.ssa Marina Caruso della segreteria organizzativa del Cut.

Le attività si terranno su base settimanale e proseguiranno fino al mese di luglio con un calendario di incontri per un impegno totale di 75 ore nelle sedi del Cut e del Laboratorio di Scenografia del Teatro Stabile di Catania. In particolar modo gli allievi saranno formati nel campo della scenografia e tecnologie per la produzione teatrale, della storia dello spettacolo e, inoltre, dell’ibridazione scenica tra tecnologie analogiche e digitali. Gli allievi – grazie all’équipe del Teatro Stabile di Catania che ha un’esperienza trentennale nella costruzione scenografica e nella costumeria teatrale – cureranno l’allestimento delle scenografie del Cut e anche di alcuni spettacoli del teatro etneo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce il laboratorio di scenografia al Centro universitario teatrale

CataniaToday è in caricamento