Software gratuiti per gli studenti - Le offerte dell'Università di Catania

Sono innumerevoli i software ed i servizi informatici che l'Università di Catania mette a disposizione gratuitamente a studenti e professori

Tutti gli studenti dell’Università di Catania possono usufruire di numerosi servizi informatici utili per le attività didattiche e di ricerca, grazie alle convenzioni stipulate dall’Ateneo con le aziende produttrici dei vari software.  

Unict è fortemente impegnata sul fronte dei servizi e del diritto allo studio – osserva il rettore Francesco Priolo-: abbiamo siglato diversi accordi nel settore IT per mettere a disposizione gratuitamente dei nostri iscritti degli strumenti utili per lo studio e la ricerca che diversamente avrebbero un costo molto alto, talvolta non accessibile. Ricordo inoltre che di recente abbiamo destinato quasi 500 pc in comodato d’uso per le nostre matricole per favorire la frequenza delle lezioni da remoto, in questo periodo segnato dalle restrizioni dovute alla pandemia. In tal modo, cerchiamo di mettere in condizioni tutti di frequentare con profitto e di trarre il massimo dalle attività didattiche e di ricerca, senza gravare ulteriormente sui bilanci delle famiglie”.

L’accordo con Microsoft,ad esempio, offre agli studenti regolarmente iscritti, ma anche ai dottorandi e agli assegnisti di ricerca, il pacchetto Office 365, il software che include le versioni più recenti di Word, Excel, PowerPoint, OneNote e molto altro. Sulla base del Microsoft Campus Agreement School Agreement – Education Solution, gli iscritti Unict possono utilizzare Office 365 a costo zero per tutto il periodo di iscrizione all’università, installandolo su un massimo di 5 Pc, Mac o tablet, e usufruire di un servizio cloud storage OneDrive da 5 TB, per l’archiviazione e la condivisione di file.

L’Ateneo ha inoltre aderito al programma AzureDev Tools for Teaching (precedentemente noto come Microsoft Imagine Premium) che rende disponibili ai docenti, ai ricercatori, ai dottorandi, ai borsisti, agli assegnisti e agli studenti regolarmente iscritti strumenti di progettazione e di sviluppo, software e servizi professionali di Microsoft, tra i quali i sistemi operativi Windows, l’ambiente di sviluppo Visual Studio, i sistemi di gestione di basi di dati SQL Server, a scopo didattico e di ricerca. Include inoltre le tecnologie e i servizi cloud più recenti.

Altri software specifici per lo sviluppo del calcolo numerico, l’elaborazione di segnali e di immagini, l’analisi statistica e la simulazione sono messi a disposizione dall’azienda The MathWorks.La suite completa – disponibile grazie al contratto campus Total AcademicHeadcount - comprende Matlab e Simulink ed oltre 80 toolboxes specializzati. La licenza campus garantisce il costante aggiornamento dei prodotti e il rilascio di nuovi strumenti per tutta la durata del contratto, i software possono essere installati sulle postazioni di lavoro, nei laboratori o sui computer personali. È disponibile anche il software Mathematica, grazie all’accordo stipulato con Wolfram, un potente strumento di calcolo tecnico-scientifico, modellazione, simulazione, visualizzazione e sviluppo, tra i più utilizzati nella ricerca e nella didattica.

Il contratto Campus stipulato con IBM consente invece di usufruire dei software SPSS for Analytics, utili per analisi statistiche e di marketing, mentre l’accordo con StataCorp rende disponibili i vari software del pacchetto STATA/SE 16, per analisi statistiche e data management. Un’ulteriore opportunità è offerta dalla licenza per l’uso del software Sas, utile per studi e ricerche negli stessi settori. Infine, l’Università di Catania ha stipulato un contratto Campus con Esri Italia spa, per l’utilizzo del software ArcGIS, riguardante un Sistema informativo geografico e diversi moduli specifici.

L’elenco di tutti i programmi disponibili per gli studenti, con le descrizioni di ciascuno, è raggiungibile tramite il sito internet dell’Università di Catania, cliccando nella sezione ‘Servizi’>’Servizi software’>’Licenze software’.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formazione, la Regione finanzia master e corsi di lingua certificati

Torna su
CataniaToday è in caricamento