L'imposta comunale sulla pubblicità

Tutto quello che c'è da sapere nel momento in cui si decide di pubblicizzare in maniera legale la propria attività o la fornitura di determinati beni o servizi

L'imposta comunale sulla pubblicità, anche se istituita da una Legge Nazionale, viene applicata dai Comuni ai quali viene lasciata molta discrezionalità riguardo le tariffe applicabili.

Consiste nel pagamento di una imposta nei confronti di coloro che vogliono diffondere messaggi pubblicitari in modo visivo o acustico in luoghi aperti al pubblico o pubblici. 

I comuni possono anche decidere di non applicare l'imposta ma semplicemente di sottoporre le iniziative di pubblicità ad un canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari. 

Viene pagata dall'agenzia pubblicitaria che diffonde il messaggio o direttamente da colui che produce o vende la merce o fornisce i servizi che sono oggetto della pubblicità. Viene calcolata in relazione alla superficie del mezzo pubblicitario ed alla tariffa. Le tariffe devono essere deliberate dal Comune entro il 31 marzo di ogni anno ed in assenza di queste si applicano quelle previste dalla legge nazionale.

La normativa nazionale prevede tariffe annue al metro quadrato che vengono applicate in base alla dimensione del Comune (classe I comune con oltre 500.000 abitanti, classe V comune con meno di 10.000 abitanti). 

- classe I: 19,63 euro al mq;
- classe II: 17,56 euro al mq;
- classe III: 15,49 euro al mq;
- classe IV: 13,43 euro al mq;
- classe V: 11,36 euro al mq.

Prima di iniziare l'attività di pubblicità che andrà tassata è necessario che il diretto interessato presenti al Comune un'apposita dichiarazione che deve contenere le informazioni relative alle caratteristiche, durat ed ubicazione dei mezzi utilizzati per la pubblicità. Alla dichiarazione deve essere allegata l'attestazione del versamento effettuato e la pubblicità deve essere predisposta su modelli approvati dal Comune stesso e che sono messi a disposizione di chi vuole effettuarla. 

Il pagamento viene effettuato con modello F24, codice tributo 3964, o con bollettino di c/c postale intestato al Comune o presso la Tesoreria Comunale. 

Sono escluse dal pagamento dell'imposta comunale di pubblicità le insegne di esercizio (la scritta installata nella sede dell'attività), che possono essere luminose ed indicare anche il servizio che viene offerto; le targhe professionali; i mezzi pubblicitari esposti nelle vetrine e sulle porte di ingresso dei locali a condizione che non superino la superficie di mezzo metro; gli avvisi al pubblico esposti nelle vetrine o sulle porte d'ingresso dei locali relativi all'attività svolta a condizione che non superino sempre il mezzo metro quadrato; gli avvisi riguardanti la locazione o la compravendita degli immobili non superiore ad un quarto di metro quadrato; la pubblicità relativa ai giornali ed alle pubblicazioni periodiche esposte sulle facciate esterne e sulle vetrine delle edicole; la pubblicità esposta all'interno delle stazioni di servizio di trasporto pubblico che riguarda l'attività esercitata dall'impresa di trasporto; la pubblicità effettuata dallo Stato e dagli enti pubblici territoriali; la pubblicitià effettuata mediante proiezioni all'interno  dei cinema se percebile solo dai titolari dei titoli d'ingresso; la pubblicità effettuata da associazioni sportive dilettantistiche e da società sportive dilettantistiche per manifestazioni con capienza inferiore a 3 mila posti.

Il pagamento dell'imposta viene inoltre ridotto alla metà se effettuata da comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbia scopo di lucro;se è relativa a manifestazioni politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio o la partecipazione degli enti pubblici territoriali; se relativa a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza.

Indirizzi utili

Comune di Catania - Servizio Nucleo Antievasione – Tributi, Affissioni e Pubblicità

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Etna@online - Modulistica per pubblicità 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento