Bus, aereo, treno, taxi: regole per la 'Fase 2'

In vista delle decisioni ufficiali si sta già delineando qualche modalità di trasporto (aereo, taxi, tram, bus, nave, traghetto) in vista dell'inizio della 'Fase 2' dell'emergenza

In attesa degli annunci ufficiali si sta già delineando il modo in cui viaggeremo in autobus, taxi, treno, aereo ed altri mezzi di trasporto durante la cosidetta 'Fase 2'.

Autobus, metro, tram - Non sarà possibile appendersi al corrimano e restare in piedi ma dovrà essere necessariamente osservata la distanza minima di 1 m dagli altri passeggeri (seduti e con la mascherina). La salita sarà dalla porta posteriore e centrale, la discesa da quella anteriore. Possibile che verrà contingentata la vendita dei biglietti e che alcune aziende possano prevedere navette ad hoc per i loro dipendenti. Tutti i mezzi dovranno per forza essere igienizzati, sanificati e disinfettati ogni giorno. Ci saranno file distanziate alle biglietterie e tornelli per evitare di stare troppo vicini. Sui bus non ci si potrà sedere uno accanto all'altro o uno di fronte all'altro. Anche alle fermate andrà rispettata la distanza di sicurezza. In metropolitana avvisi sui display avvertiranno su quando si potrà salire e quando invece sarà necessario attendere il treno successivo.

Treno - Anche in questo caso sarà prevista la distanza obbligatoria di 1 metro tra passeggeri e personale del treno, anche nelle stazioni. Il personale dovrà utilizzare tutti i dispositivi di protezione individuale. Se nel corso del viaggio vengono individuati passeggeri che accusano sintomi riconducibili al Covid-19 dovranno essere isolati e si dovrà informare la Polizia Ferroviaria e le autorità sanitarie. Prenotazione a scacchiera dei posti in treno. I treni regionali potrebbero veder aumentare il numero di carrozze per garantire il distanziamento sociale. 

Taxi - Dovranno montare in maniera obbligatoria un divisorio in plexiglas per separare l'autista dai passeggeri. Non sarà possibile mettersi al fianco del conducente e saranno ammessi a bordo al massimo due passeggeri con obbligo di sanificazione giornaliera delle autovetture. Il Governo in tal senso ha previsto degli incentivi per l'acquisto di queste pareti divisorie.

Aereo - Distanza di 1 metro tra passeggeri, non ci sarà nessuno seduto al nostro fianco (si pensa anche ad uno scudo di plastica per dividere i passeggeri). Limitazioni nella vendita dei biglietti ed il personale che entrerà in contatto coi passeggeri indosserà mascherine, guanti ed anche occhiali protettivi. Negli aeroporti ci saranno termoscanner, percorsi a pettina, pareti in plexiglas e controlli elettronici per passeggeri. A tal proposito la claim company Italia Rimborso ha pubblicato un vademecum per i passeggeri disponibile al seguente link.

Nave e traghetto - Bisognerà evitare contatti ravvicinati tra personale di terra e di bordo e tra personale e passeggeri, così come sarà necessario il distanziamento sociale per evitare affollamenti agli imbarchi e sbarchi. A bordo dovranno esserci prodotti per assicurare igiene e pulizia delle mani. Gli ambienti, ma in particolar modo pulsanti, maniglie e tavolini presenti, dovranno essere sanificati ogni giorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento