Modifiche al Codice della strada: le probabili novità

Allentatasi l'emergenza Covid-19, in Parlamento si è tornato a parlare delle possibili modifiche che verranno quasi sicuramente introdotte al Codice della Strada

Nei giorni scorsi è partito nuovamente l'iter per introdurre alcune novità al Codice della Strada. Ecco alcune delle misure che potrebbero essere portate in Camera ed in Senato nelle prossime settimane e che quindi potrebbero trovare attuazione già nel 2020.

Soggetti vulnerabili - Possibilità per i comuni di istituire zone scolastiche in cui prevedere forme di limitazione del traffico o della velocità per garantire la sicurezza ai minori negli orari di entrata o uscita dalle scuole; prevista anche l'introduzione di parcheggi rosa per donne in gravidanza o con figli minori di 2 anni.

Scuolabus - Obbligo, dal 2024, di dotare gli scuolabus di cinture di sicurezza.

Apparecchiature elettroniche alla guida - Potrebbe essere sanzionato in modo ancora più grave se l'uso di questi ultimi possa comportare, anche solo temporaneamente, la sospensione della patente. Si pensa ad una multa da € 422 ad € 1.697, sospensione della patente da 5 giorni a 2 mesi già dalla prima infrazione; in caso di recidiva la sanzione potrebbe arrivare fino ad € 2.588.

Sicurezza stradale - Nuova responsabilità del conducente di motoveicoli nel momento in cui i passeggeri non facciano uso delle cinture di sicurezza. Se la cintura non viene indossata dal passeggero (anche se maggiorenne) verrà multato anche il conducente.

Autostrada - Dovrebbe essere ammessa la circolazione in autostrada per i motocicli con cilindrata pari o superiore a 120 cc se condotti da maggiorenni

Mobilità ciclistica - Gli enti locali potranno prevedere linea di arresto avanzata per i velocipedi o casa avanzata, il doppio senso ciclabile e la circolazione su corsie preferenziali delle biciclette. 

Patente - Dovrebbe essere prorogata a 12 mesi la durata del foglio rosa e verrà introdotta la possibilità di ripetere per 2 volte l'esame di guida per il conseguimento della patente.

Prefetto - Nei confronti delle sanzioni amministrative sarà possibile fare ricorso semplicemente via Pec e ricevere in questo modo le notificazioni delle violazioni.

Multe - Per una maggiore trasparenza si pensa di istituire l'obbligo di preavviso sul parabrezza per le multe irrogate in assenza del trasgressore.

Veicoli d'epoca - Verrà esteso anche ai ciclomotori ed alle macchine agricole d'epoca il regime previsto per i veicoi d'epoca: esenzione del bollo, revisione quadriennale.

Pedaggio - Verrà prevista l'esenzione del pagamento del pedaggio per i veicoli di servizio di trasporto e soccorso sanitario, per i veicoli della protezione civile e delle associazioni di volontariato appartenenti a reti nazionali o ad enti del terzo settore.

Ausiliari del traffico e di sosta - Gli verrà data la possibilità di contestare immediatamente le infrazioni, di disporre la rimozione dei veicolo e di redarre e sottoscrivere il verbale di accertamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento