Venerdì, 18 Giugno 2021
Partner

Dedicarsi agli altri: una scelta dettata dal senso di dovere nei confronti di chi è più fragile

Ecco perché esistono strutture dedicate a quanti necessitano di un percorso riabilitativo integrato. In provincia di Catania, ha sede la Fondazione O.R.T.U.S. che si occupa di persone con disabilità

Quando una persona decide di prendersi cura di un’altra, solitamente lo fa sulla scia di una vocazione, che può diventare anche una scelta di vita.
Infatti, dedicarsi a coloro che sono più bisognosi d’aiuto, o, comunque, occuparsi di un altro essere vivente non è affatto semplice: significa mettere da parte le proprie necessità per accogliere, e comprendere, quelle dell’altro.
Si tratta, quindi, di un atto impegnativo e complesso, che arricchisce umanamente, e senza dubbio può gratificare, un modo di volere bene e volersi bene, che attiva un circolo virtuoso di relazione e di cura.
Tale discorso non riguarda, solo, il volontariato: esistono anche professioni in cui prendersi cura dei più fragili è l’indispensabile fondamento per mettere in atto tutte le competenze ed azioni necessarie.

In tali casi, non è possibile lavorare in questo specifico settore in maniera fredda e meccanica; lo si fa perché si crede nella possibilità di operare, in maniera congiunta, per raggiungere quegli obiettivi volti al miglioramento della qualità di vita della persona e costruire così una società, un futuro, migliori.

Una Fondazione dedicata ai più fragili

Ed è proprio tale spinta verso l’intenzione di crescere e migliorare insieme che ha portato alla nascita della Fondazione O.R.T.U.S (Ospitalità e Residenzialità Terapeutiche d'Utilità Sociale) Onlus, che offre accoglienza e assistenza terapeutica a disabili in età evolutiva, adolescenziale e adulta.
Dal 1972 ad oggi, infatti, lo scopo principale della Onlus è sempre stato quello di dedicarsi alle persone affette da disabilità con amore e dedizione, ispirando fiducia nei propri ospiti.

La Fondazione nasce, infatti, da un atto d’amore. Il fondatore Antonio Costantino, infatti, insieme a suo fratello Giuseppe e a sua sorella Carmela, decide di costruire il “Villaggio Mediterraneo” in seguito alle difficoltà avute nella ricerca di una struttura adatta ad accogliere il suo secondo figlio, affetto da disabilità.
Il “Villaggio Mediterraneo” viene, quindi, pensato per dedicarsi alla cura e all’educazione delle persone disabili; da un piccolo nucleo di persone, cresce negli anni, diventando un punto di riferimento per il territorio.

Foto12-3

I valori alla base della Fondazione O.R.T.U.S.

Ancora oggi, i valori che muovono la Fondazione O.R.T.U.S. sono rimasti invariati.
In primis, la fiducia: il rapporto tra la comunità, gli assistiti e le relative famiglie, infatti, si basa proprio sulla fiducia e sul rispetto nei confronti di chi si affida alle cure della struttura.
Altro punto focale è la ricerca, fondamentale per trovare (e impiegare) pratiche sempre più efficaci in ambito terapeutico, riabilitativo e psico-pedagogico. Per questo motivo la Fondazione O.R.T.U.S. contribuisce alla ricerca scientifica e collabora con università, centri di ricerca, laboratori, enti sanitari statali e privati.
Un occhio di riguardo viene dedicato anche all’innovazione.
La Fondazione si può definire una Onlus 4.0: attenta e ricettiva nei confronti delle nuove tecnologie, infatti, ha avviato un progetto atto alla digitalizzazione delle informazioni reperite durante la pratica clinica.
Raccogliere i dati, dei pazienti e dei relativi trattamenti, in un database unico e accessibile è un grande vantaggio: consente, agli specialisti, di avere una visione completa della condizione della persona, permettendo interventi più mirati ed efficaci.

Lavorare insieme, come una famiglia

La Onlus tratta disabilità di tipo intellettivo e psicomotorio, deficit sensoriali gravi, patologie neurologiche, disturbi generalizzati dello sviluppo, disturbi dell'apprendimento, disturbi del linguaggio, disturbi comportamentali.

Per trattare i vari tipi di disturbi e disabilità vengono impiegate terapie molteplici e dedicate.
Ad esempio, in ambito riabilitativo, vengono effettuati trattamenti di fisiokinesiterapia; sono erogati in ambienti dedicati, dotati di attrezzature per la riabilitazione neuromotoria e motoria, con ausili per la stimolazione propriocettiva della sensibilità e per il recupero dell’equilibrio, utilizzando tecniche diverse.

Anche la psicomotricità rientra nelle terapie riabilitative; in un contesto ludico, o comunque strutturato, vengono svolte attività che, attraverso il movimento, contribuiscono a migliorare le funzioni motorie e cognitive, le facoltà espressive e comunicative, la capacità di interazione con gli altri.
Vengono trattati anche i disturbi del linguaggio, attraverso sedute di logopedia.
Inoltre, per promuovere e supportare le abilità creative degli ospiti, nonché migliorarne l’autonomia (preparandoli ad una futura professione), vengono svolte attività senso-percettive e laboratori ergoterapici: laboratori grafico-pittorici, di ferro battuto, argilla, floricoltura e orticoltura, economia domestica per gli adulti forniscono nuove conoscenze, tecniche ed abilità, aumentando, nel contempo, autostima e fiducia in sé stessi.
Sono molti i professionisti che, con trasporto e impegno, collaborano alla realizzazione dell’ideale promosso dalla Fondazione O.R.T.U.S: ci sono neurologi, neuropsichiatri infantili, terapisti della riabilitazione, infermieri, operatori socio sanitari, logopedisti, psicologi, personale direttivo e amministrativo, assistenti sociali, educatori, maestri d’arte, cuochi, addetti alla cucina, manutentori, autisti, accompagnatori, custodi, volontari.
Ognuno, come farebbe il membro di una grande famiglia, offre il proprio contributo al meglio delle proprie possibilità, lavorando armoniosamente per raggiungere, insieme, un unico scopo: il benessere di chi si rivolge loro.
La Fondazione O.R.T.U.S dispone di due sedi: l’Ambulatorio di via Gravina 18 a Giarre e il Villaggio Mediterraneo di via D. Nicolosi 106 a Nunziata di Mascali.

Proprio presso quest’ultimo, che dispone di vasti spazi, le persone con disabilità vengono accolte in una comunità, dove seguono un percorso non solo terapeutico, ma anche verso il raggiungimento dell'autonomia personale, grazie alle molteplici attività sociali svolte.

Un’opportunità per tutti

La Fondazione offre la possibilità di usufruire dei suoi servizi sia in maniera convenzionata che, novità introdotta negli ultimi anni, privatamente.
Tale scelta è stata fatta per offrire la possibilità ad un crescente numero di persone di accedere ai servizi disponibili.
L’opportunità si rivolge, infatti, alle persone che non sono riuscite ad usufruire dei servizi convenzionati, o chi hanno terminato il ciclo riabilitativo ma desiderano proseguire il percorso, oppure a chi non può occuparsi dei propri cari con continuità.
Si tratta di un ulteriore modo di andare incontro a chi si trova in difficoltà.
Per supportare l’opera della Fondazione O.R.T.U.S, è possibile devolverle il proprio 5x1000, un aiuto importantissimo che si trasforma in risorse effettive per i suoi ospiti.
Per approfondire la conoscenza con la Fondazione O.R.T.U.S, sono disponibili il sito e la pagina Facebook.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dedicarsi agli altri: una scelta dettata dal senso di dovere nei confronti di chi è più fragile

CataniaToday è in caricamento