Amministrative ad Aci Catena: la sfida per il dopo Maesano tra grillini, democratici, destra e liste civiche

Il segretario regionale del Partito Democratico converge insieme all'onorevole Nicola D'Agostino, molto forte nell'acese. In campo anche il Movimento 5 Stelle con Bartolo Tagliavia

Il clima elettorale nella città del limone verdello è infuocato. Dopo l'arresto e le dimissioni del sindaco Ascenzio Maesano, l'11 giugno di tornerà alle urne. Fanno quadrato tutte le formazioni politiche attorno ai propri candidati e un esercito di aspiranti consiglieri comunali è pronto per essere schierato. Nell'area di centro sinistra Fausto Raciti segretario regionale del PD e Nicola D'Agostino molto forte nell'acese hanno raggiunto l'accordo a sostegno di Francesco Petralia come sindaco e Pippo Sciacca come suo vice.  “In questa prospettiva - dichiarano Raciti e D'Agostino - Partito democratico e Sicilia futura ritengono fondamentale una convergenza su una candidatura comune forte e prestigiosa. L'alleanza  - continuano i due - tra partiti e liste civiche che si ritroveranno nell'intesa sarà fondata su tre basilari principi programmatici: risanamento dei conti, programmazione degli investimenti tramite i fondi europei e garanzia dei servizi prioritari".

A destra il nome è quello di Nello Oliveri, già sindaco del comune catenoto. Il suo slogan per queste elezioni amministrative sarà "Riscattiamo la nostra città". A sostegno della sua candidatura ci saranno Agata Maiorca già assessore nella giunta Maesano poi dimessasi e Angelo Russo del Comitato Civico Uniti per la Città.

In campo anche il Movimento 5 Stelle che a quasi 5 anni dalla nascita del Meetup, oggi tentano il cammino verso Palazzo di Città con Bartolo Tagliavia che dichiara: "Vogliamo ricucire lo strappo fra cittadini e istituzioni provocato dalla classe politica catenota, che ha tradito la fiducia della comunità di persone che l’ha eletta per rappresentare, con diligenza e onestà, gli interessi di tutti e non quelli personali".

A sinistra, quella in contrapposizione con il Partito Democratico c'è Aci Catena Cambia con Basilio Orfila: "Il dissesto finanziario è alle porte, chiunque amministrerà avrà seri problemi a far funzionare la macchina. Immaginate per puro esercizio mentale che da una parte ci sarà un gruppo che proverà a governare il momento con scelte severe e di contenimento della spesa, e dall'altra un gruppo che critica solamente e ridicolizza il lavoro che fa. Al di là, quindi, di chi governerà ci sarà bisogno dell'apporto di tutti e nessuno può mirare solo ai propri tornaconti senza fare un danno al paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento