Amministrative Puntesi, le elezioni entrano nel vivo tra il M5S e "San Giovanni La Punta Protagonista"

Il fronte grillino punta il dito contro Luca Rapisarda, rappresentante di lista 'San Giovanni La Punta Protagonista', che sarebbe stato accusato dalla consigliera comunale oggi candidata sindaco del M5s, Giusy Rannone, di avere raccolto dati sensibili in un centro per gli anziani

Il fronte grillino punta il dito contro Luca Rapisarda, rappresentante di lista 'San Giovanni La Punta Protagonista', che sarebbe stato accusato dalla consigliera comunale oggi candidata sindaco del M5s, Giusy Rannone, di avere raccolto dati sensibili in un centro per gli anziani. "Non è mio costume rispondere alle provocazioni, specialmente se a rivolgerle è una donna - dichiara Rapisarda - Purtroppo, però, dopo le reiterate illazioni mosse contro la mia persona e le mie attività politiche e professionali, svolte con passione e impegno, la misura è straripata". 

La portavoce del M5s Giusy Rannone avrebbe sostenuto che la cooperativa sociale di cui Rapisarda è componente attivo avrebbe raccolto dati sensibili tra gli anziani che hanno partecipato a un evento organizzato per festeggiare San Martino nel 2019. "I partecipanti non erano interdetti ma tutti nel pieno potere delle loro facoltà mentali. Inoltre - precisa Rapisarda - non si è trattato di 'raccolta dati sensibili' ma di contatti, ovvero dei loro nominativi e dei rispettivi recapiti telefonici e indirizzi mail, consegnati brevi mano al capo area dei Servizi Sociali al termine della manifestazione concessa a titolo gratuito. La trascrizione dei contatti dei partecipanti è avvenuta su espressa richiesta di questi ultimi al fine di essere contattati per eventi futuri".

"Insinuare insistentemente per scopi elettorali che il sottoscritto possa averli usati per chissà quali finalità politiche è un reato passibile di querela che mi riservo di valutare con i miei legali: si chiama diffamazione. Piuttosto - continua il rappresentante di lista - la candidata Giusy Rannone potrebbe informare i cittadini circa i dati sensibili che gli attivisti catanesi avrebbero sottratto ai simpatizzanti, comprensivi di email e password delle mail? Ricordo di uno scandalo che ha avuto risonanza nazionale nel 2017 su un certo 'mercato delle tessere'". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi, sui social del M5S di San Giovanni La Punta, gli utenti sono stati inoltre invitati a giocare a 'Trova l’errore' con l’immagine della sede di 'San Giovanni La Punta Protagonista': "Sorridendo, rispondo che i giornali vanno comprati e letti tutti i giorni, non soltanto quando vengono pubblicate le proprie imbeccate. ‘Fare squadra’ è un concetto che purtroppo i grillini non comprendono se non nella misura in cui passano dall’alleanza con Lega al Pd".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Via Leopardi, carabinieri scoprono un "buco" che collegava una casa disabitata ad una banca

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento