Antonio Presti, da Fiumara d'arte al Senato: è la scelta di Crocetta

Da molti anni impegnato anche in progetti sociali nel quartiere catanese di Librino, il "mecenate" Presti sarà candidato al Senato in Sicilia nella lista del Megafono, il movimento del presidente della Regione

Il mecenate Antonio Presti, che ha promosso la "Fiumara d'arte" con opere dei maggiori artisti contemporanei sulla collina di Castel di Tusa (Messina) sarà candidato al Senato in Sicilia nella lista del Megafono, il movimento del presidente della Regione, Rosario Crocetta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha reso noto lo stesso Crocetta. Presti, che a Castel di Tusa ha creato anche un originale "hotel d'arte", da molti anni è impegnato in progetti sociali nel quartiere catanese di Librino, uno dei più degradati di Catania, e nella zona del fiume Oreto, alla periferia di Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Sangue in Corso Sicilia: accoltellato un uomo, residenti esasperati

  • Duplice omicidio di Librino, 5 fermati vicini ai Cursoti milanesi

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento