Arresto Battisti, Bianco: "C'ero quasi riuscito quando ero ministro"

Enzo Bianco si attesta anche il merito di aver 'quasi ottenuto l'estradizione di Battisti dal Brasile nel 2000'. Il terrorista, però, all'epoca era in Francia

Il profilo Facebook di Enzo Bianco torna a far sorridere per la sua comicità involontaria. L'ex primo cittadino ha infatti commentato l'arresto in Bolivia del terrorista Cesare Battisti, notizia pubblicata da tutti i giornali ieri mattina, attestandosene una parte di merito e facendo uno strafalcione.

"C’eravamo andati molto vicini nel 2000, mentre ero Ministro dell’Interno, quando mi sono adoperato per ottenere l’estradizione di CESARE BATTISTI dal Brasile. Oggi finalmente è stato ARRESTATO. Ha ucciso per rapina uomini innocenti! Ha cercato di spacciarsi per ricercato politico! Un VIOLENTO ASSASSINO! Che possa scontare nelle nostre carceri la pena a cui è stato condannato!".

Oltre all'opinabile merito sull'operazione di ieri, avvenuta 18 anni dopo la guida di Enzo Bianco al Ministero dell'Interno, a far discutere è anche la data: nel 2000, infatti, Battisti si trovava in Francia e non in Brasile, dove andrà soltanto 4 anni dopo. Il post è stato poi modificato e la parte sul 'Brasile' è stata rimossa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento