Lunedì, 2 Agosto 2021
Politica

L'assessore Cristaldi: "L'estate? Al lavoro per spiagge libere sicure e moderne, solarium in forse"

L'intervista all'assessore della giunta Pogliese che tra le varie deleghe ha quella al Mare. La stagione estiva che verrà sarà ancora caratterizzata dalle misure anti Covid. Lo scorso anno i solarium non vennero montati e si rischia un triste bis

L'incognita chiamata estate, la gestione dei beni confiscati alla mafia, l'emergenza randagismo e la cronica carenza di personale comunale. Sono queste le deleghe dell'assessore Michele Cristaldi che con il nostro giornale ha fatto il punto sull'azione dell'amministrazione Pogliese. In particolare per quanto concerne la stagione estiva tutt'ora vi è grande incertezza in base alle misure, più o meno stringenti, che verranno adottate per contrastare la pandemia: lo scorso anno soltanto alla fine di maggio è arrivato lo stop per i solarium di piazza Europa e del Nautico che, difatti, non furono montati.

Per questa estate l'amministrazione ha emanato un bando pubblico per la concessione del servizio di gestione quinquennale di tre spiagge libere attrezzate, di quattro parcheggi annessi, di due solarium e di una passerella per utenti diversamente abili. L'importo complessivo è di 2,5 milioni di euro, dato dal fatturato totale del concessionario generato per tutta la durata del contratto per sei chioschi bar ubicati in ciascuna delle spiagge libere e dei solarium e dei quattro parcheggi a pagamento. 

Cristaldi-3"In attesa di capire le evoluzioni di questa stagione estiva - dichiara l'assessore Cristaldi a CataniaToday - ci siamo portati avanti emanando il bando e facendoci trovare pronti. Siamo nei tempi per poter allestire e realizzare tutto in linea con l'apertura della stagione. Le spiagge libere, così come avvenuto lo scorso anno, non dovrebbero essere in discussione: vista la grandezza del nostro arenile potremo serenamente prevedere le misure di distanziamento necessarie. Lo scorso anno la misura prevista era di 3 metri e noi l'abbiamo ampliata a 5 metri. Anche per i prossimi mesi saremo vigili e attenti rispettando le normative".

Nello specifico, quindi, le spiagge libere e la passerella per i disabili di San Giovanni Li Cuti non dovrebbero essere in discussione mentre sui solarium la questione è più complessa poiché non si potrebbe facilmente garantire il "distanziamento" né una modalità di ingresso contingentata. Le novità del bando emanato dall'amministrazione le snocciola Cristaldi che parla di spiagge libere efficienti e accoglienti: "Abbiamo previsto oltre 8 criteri che attribuiscono punteggi a chi procedere a depositare l'offerta tecnica. In particolare abbiamo chiesto che le spiagge libere abbiano un'area destinata e riservata ai diversamente abili, che vi sia una rete wifi per gli utenti, che vi sia un ammodermaneto delle strutture, che vi sia una elevata tutela ambientale secondo i parametri Iso 13009, ossia una spiaggia sostenibile. Inoltre abbiamo chiesto aree di sgambettamento per i cani e iniziative di educazione alla cittadinanza sulla raccolta differenziata".

Il prossimo 2 maggio si chiuderanno i termini per la presentazione delle offerte e, poi, verranno aperte le buste. "Vogliamo puntare sui servizi - dice ancora Cristaldi - e stiamo già procedendo alla vagliatura dell'arenile con la Dusty per poter essere in linea con i lavori". Per quanto riguarda i cronici deficit di personale, l'assessore spera che con l'infornata di assunzioni, seppur a tempo determinato, annunciata da Brunetta si possa colmare qualche vuoto d'organico. Complessivamente saranno 2800 le assunzioni nel Mezzogiorno e ancora c'è da appurare quante di queste saranno destinate a Catania: "Anche solo qualche unità sarebbe già tantissimo - prosegue l'assessore -. Una volta il Comune aveva oltre 5 mila dipedenti, adesso sono poco meno di 2200 e ogni anno circa un centinaio vanno in pensione senza essere sostituiti da nuovi ingressi e ci troviamo in difficoltà".

Per quanto concerne la situazione randagismo, che con la bella stagione tende a proliferare, il Comune ha potenziato il pronto soccorso veterinario che adesso è attivo h 24 e ha progressivamente diminuito i cani a carico dell'ente, tramite le adozioni: "L'obiettivo è quello di ridurre gli esemplari che si trovano nei rifugi e nel canile. All'insediamento della giunta Pogliese erano circa 1500, adesso si sono ridotti di 200 unità. Considerando che progressivamente ne entrano di nuovi è un numero già consistente e dobbiamo continuare a lavorare molto sulle adozioni e contro gli abbandoni". Infine la gestione dei beni confiscati etnei vede la recente emissione di 2 bandi per la gestione di 2 beni, uno in zona lungomare, in via Anapo, e l'altro in via delle Calcare. In questo l'esponente della giunta Pogliese ha spiegato che spesso i beni "differiscono" dalle planimetrie originarie, nel senso che vi possono essere parti abusive e costruite successivamente.

"La difficoltà maggiore - conclude Michele Cristaldi - consiste nelle condizioni in cui ereditiamo il bene. Può essere in cattive condizioni, oppure occupato o vi sono altre condizioni particolari. Per questo ci confrontiamo con i coauditori per poter operare e rimetterlo a regime per poi emanare i bandi per la gestione. Un altro bene, come il vecchio centro Astalli, sarà oggetto di interventi e investimenti tramite i Pon legalità e Pon Sicurezza in modo tale che diverrà una struttura dedicata al sociale e ai senza fissi dimora".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore Cristaldi: "L'estate? Al lavoro per spiagge libere sicure e moderne, solarium in forse"

CataniaToday è in caricamento