Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

Bonus facciate: intere zone di Catania escluse, i cittadini: "E' un'ingiustizia"

Il consigliere comunale di maggioranza Salvo Giuffrida ha spiegato che alla luce del vecchio prg molte zone, attualmente E ma densamente abitate, non possono ricevere il beneficio. Ma gli uffici possono ovviare tramite una certificazione sostitutiva

Ampie zone di Catania continuano ad essere escluse dalle agevolazioni del bonus facciate. Dopo l'allarme lanciato dal consigliere comunale Salvo Giuffrida, lo scorso giugno, continuano i disagi per i cittadini che hanno segnalato questa ingiustizia alla nostra redazione. Partiamo, però, dal principio: il bonus "facciate" è l’agevolazione introdotta dalla legge di bilancio 2020 che prevede una detrazione pari al 90% delle spese sostenute nell'anno in corso per interventi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in determinate zone. Proprio su quest'ultimo punto si è concentrato il problema che investe Catania. Infatti la condizione per beneficiare del bonus è quella che le abitazioni debbano ricadere nelle aree A e B. Le aree a Catania non sono aggiornate dagli anni '60 e quindi aree che un tempo non erano abitate adesso sono densamente abitate ma nei fatti si troverebbero escluse dal beneficio.

L'intervento del deputato Saitta (M5S)

Esemplificativo è il messaggio di una nostra lettrice: "Ho richiesto il CDU urgente (200 euro) , per sentirmi dire che Canalicchio è zona agricola! La circolare dell'agenzia delle entrate del 14 febbraio n.2/E , stabilisce che il comune può certificare diversamente rispetto il  P.R.G, se la zona possiede tutte le caratteristiche stabilite dal D.M. del 1968 n. 1444 art. 2 lettera B. Spero che questo mio messaggio venga preso in considerazione e che denunciate tutto ciò. Come me diversi hanno avuto questa risposta".

Sono tante le zone E molto popolate che quindi non potrebbero beneficiare del bonus ma, come ha chiarito l'agenzia delle entrate, tramite delle certificazioni emanate dagli uffici comunali si possono consentire le equiparazioni tra zone A e B alle zone E. Sul punto è intervenuto nuovamente il consigliere Salvo Giuffrida: "Occorre affrettare i tempi e ho chiesto un sollecito. Il bonus facciate è una misura importante e sono preoccupato per il fatto che molti cittadini non potranno beneficiare di ciò. Chiederò una soluzione in tempi brevi affinché la politica possa intervenire attrezzando gli uffici in modo tale da risolvere la questione e poter dare la possibilità ai cittadini di fruire del bonus". La misura potrebbe essere prorogata anche per l'anno venturo, con la speranza quindi che il Comune possa adeguarsi e dare l'opportunità ai cittadini di sfruttare il bonus del governo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus facciate: intere zone di Catania escluse, i cittadini: "E' un'ingiustizia"

CataniaToday è in caricamento