Buceti e Curia su sospensione del Sindaco Pogliese: "No al massacro da parte degli avversari"

I due esponenti del quarto municipio ribadiscono la totale vicinanza e la piena solidarietà a Salvo Pogliese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Il gioco al massacro a cui stiamo assistendo in questi giorni, ai danni di Pogliese, da parte di certa sinistra, è semplicemente disgustoso. Amministratori locali mai propositivi, mai costruttivi, mai vogliosi di affrontare realmente le problematiche del territorio in questi ultimi anni e che, anzi, hanno dimostrato la loro ferma volontà di mantenere salda la poltrona oggi escono allo scoperto, per conquistare cinque minuti di notorietà, adducendo situazioni o scenari che non stanno né in cielo né in terra e proponendo eventuali elezioni anticipate. Ebbene questi signori hanno forse dimenticato la disastrosa situazione in cui hanno lasciato la città di Catania nel corso della scorsa legislatura? Hanno forse dimenticato il dissesto, le incompiute, le incompetenze e gli errori che hanno portato la nostra Catania ad un passo dal baratro? Io credo di no, anzi. Nel tipico gioco dello scarica barile, a cui ci hanno abituato da tempo, vogliono destabilizzare la maggioranza con richieste assolutamente folli. Ebbene dal centro alle periferie il nostro programma di rinascita, risanamento e valorizzazione dei municipi etnei non subirà arresti o rallentamenti. Nessuno di noi ha alcun dubbio sulla estraneità di Pogliese dagli accadimenti in questione. Come presidente del IV municipio di Catania Erio Buceti, insieme al consigliere del IV municipio Curia, ribadiamo, quindi, la totale vicinanza e la piena solidarietà a Salvo Pogliese con la certezza che questa sconcertante vicenda si concluderà con la sua totale estraneità alle accuse che gli sono state mosse e la piena convinzione che la magistratura stabilirà la sua totale e piena innocenza.

Torna su
CataniaToday è in caricamento