Cangemi (FdS): “Teniamo alta l’attenzione sul laboratorio dei veleni di Farmacia”

Questa mattina, è ritornata in Tribunale la questione della strage dentro i laboratori della Facoltà di Farmacia. E' intervenuto, in merito alla questione, Luca Cangemi del coordinamento nazionale Federazione della Sinistra

Questa mattina è ritornata in Tribunale la questione della strage dentro i laboratori della Facoltà di Farmacia.

E' intervenuto, in merito alla questione, Luca Cangemi del coordinamento nazionale Federazione della Sinistra: " Speriamo che l’udienza preliminare di oggi, che ha ammesso la costituzione delle parti civili, sia un passo importante della battaglia perché sia fatta verità e giustizia per le vittime del laboratorio dei veleni della Facoltà di
Farmacia dell’Università di Catania".

Sono 12 gli imputati per i quali il procuratore Michelangelo Patanè e il sostituto Lucio Setola hanno chiesto il rinvio a giudizio per disastro ambientale colposo. Tra loro ci sono i direttori del dipartimento Scienze farmaceutiche, Franco Vittorio, e amministrativo dell'Università, Antonino Domina.

"Da anni rileviamo la gravità di quanto è accaduto a Farmacia - continua Cangemi - e il grave atteggiamento dei vertici accademici che si sono avvicendati alla guida dell’ Ateneo. Continueremo nel nostro impegno per tenere alta l’attenzione dei cittadini su questa vicenda, perché siano individuate e perseguite le responsabilità e perché sia garantita la sicurezza di chi lavora, studia e ricerca nell’Università di Catania".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento