Cantarella (Lega): "Pessimo segnale scarcerazione boss La Rocca"

Le dichiarazioni dell'assessore comunale etneo sull'imminente rientro nell'isola del padrino di San Michele di Ganzaria condannato al carcere a vita

''La decisione del Tribunale di Milano di scarcerare il boss La Rocca e di rispedirlo in Sicilia è assolutamente grave ed un pessimo segnale''. Lo afferma Fabio Cantarella, responsabile enti locali della Lega in Sicilia e assessore comunale a Catania, commentando l'imminente rientro nell'Isola del padrino di San Michele di Ganzaria, Francesco La Rocca, condannato all'ergastolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

''A destare preoccupazione - spiega Cantarella - è che i primi ad approfittare dell'emergenza sanitaria siano proprio i condannati per i reati più gravi e in particolare gli appartenenti ad organizzazioni mafiose. Trovo inoltre assolutamente fuori luogo che boss e altri criminali incalliti tornino nelle loro abitazioni e nelle loro regioni d'origine, il ritorno di un boss come La Rocca nel calatino potrebbe essere interpretato, nonostante la stretta sorveglianza, come un ritorno sul proprio territorio. Sappiamo bene come nella subcultura mafiosa la presenza del capo sia un segnale chiaro''. ''Capisco che i tribunali possano ravvisare in alcuni casi le condizioni per tutelare il diritto alla salute e all'umanità della pena ma trovo inaccettabile che i boss vengano rimandati in Sicilia, nei luoghi del loro potere e dei loro delitti'' conclude l'esponente leghista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • “Freedom Oltre il confine” dedica parte della prossima puntata a Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento