Cassa integrazione e ritardi, Italia Viva e M5S accusano Musumeci

Sammartino e Suriano puntano il dito contro le lentezze degli uffici regionali nel processare le pratiche e intanto i cittadini attendono

Cassa integrazione in deroga. I lavoratori aspettano ma ancora per migliaia non è arrivato nemmeno un euro nonostante le richieste avanzate dalle aziende. Per Luca Sammartino, deputato regionale di Italia Viva, e Simona Suriano, parlamentare del M5S, la "colpa" è del governo regionale e della lentezza degli uffici nel processare le pratiche da inviare all'Inps.

"Tre settimane di ritardo inaccettabile per l'erogazione della Cassa integrazione in deroga in Sicilia - spiega Sammartino -. Avevo segnalato il problema e come Commissione Lavoro avevamo chiesto, durante l'audizione della scorsa settimana, il potenziamento degli uffici per affrontare l'elevato numero di pratiche. Adesso le aziende siciliane sono senza sostegno. Musumeci deve pensare meno agli annunci e più ai fatti. Governare è una cosa ben diversa da fare dirette Facebook. Si facciano subito i decreti. I siciliani hanno bisogno di aiuto”.

La deputata del Movimento Cinque Stelle Simona Suriano ha evidenziato come i tempi di trasmissione delle pratiche dalla Regione all'Inps si stiano allungando a dismisura lasciando nel guado migliaia di famiglie.

“Non possiamo rischiare una macelleria sociale – spiega Suriano – per via delle lentezze della pachidermica macchina regionale. C'è una platea di circa 150mila lavoratori siciliani che attende ancora la cassa integrazione e sui tavoli degli uffici della Regione ancora rimangono le pratiche che debbono essere trasmesse all'Inps”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“C'è un forte arretrato, nonostante il governo regionale abbia approntato una task force specifica, e ancora i lavoratori dovranno attendere settimane e settimane. Una situazione inconcepibile che sta penalizzando migliaia di famiglie siciliane in piena emergenza economica e che non hanno ancora avuto ciò di cui hanno diritto. Non possiamo permettere che ciò continui oltremodo con questi vergognosi ritardi: i lavoratori hanno bisogno di risposte”, ha concluso la deputata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento