Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Cenere dell'Etna, Paxia: "Si dichiari stato di calamità"

La deputata etnea: "Il fenomeno è ormai strutturale. Dichiarare senza indugi lo stato di calamità ed emergenza per i disagi e i danni ai territori colpiti"

La cenere dell'Etna sta mettendo a dura prova le comunità locali per quanto concerne la raccolta e lo smaltimento. La politica è intevenuta per richiedere interventi straordinari e la deputata etnea Maria Laura Paxia, del gruppo Misto ha proposto la dichiarazione dello stato d'emergenza.

“La copiosa emissione di cenere vulcanica dall’Etna - dice Paxia - da anni ed anche in questi giorni sta creando grosse difficoltà e disagi alla metropoli catanese e ai numerosi Comuni della zona jonica. Questi fenomeni sono ormai diventati così frequenti da essere considerati strutturali e cronici. Sindaci allo stremo, comunità al collasso, mancano risorse per salvaguardare la salute dei cittadini e fronteggiare lo stato continuo d’emergenza". Tante sono infatti le problematiche che si registrano: circolazione viaria pericolosa, aeroporto di Catania Fontanarossa chiuso, settore agricolo e altri settori strategici per il nostro territorio sono in sofferenza. 

"Sarebbe, dunque, necessario - prosegue la deputata - dichiarare senza indugi lo stato di calamità ai fini dell’ottenimento di aiuti concreti alla cittadinanza colpita e lo stato di emergenza per favorire un intervento coordinato tra Regione Sicilia e Governo. Per questi motivi mi sto attivando con la Protezione Civile per far dichiarare lo stato di calamità e di emergenza in favore dei territori colpiti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cenere dell'Etna, Paxia: "Si dichiari stato di calamità"

CataniaToday è in caricamento