rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

La "rivolta" dei consiglieri comunali per la mancanza di personale: "Impossibile poter lavorare"

Mancano dipendenti per verbalizzare le commissioni consiliari e per il funzionamento dei gruppi. Prima del dibattito sul Pnrr diversi gli esponenti di maggioranza e di opposizione hanno lamentato le carenze della pianta organica

Impossibile lavorare perché manca il personale. La denuncia parte - stavolta irruenta - dai consiglieri comunali e viene "sporta" direttamente durante la seduta del civico consesso odierna. Se già nei mesi scorsi diverse erano state le lamentele per la mancanza del personale necessario per il funzionamento delle commissioni e dei gruppi consiliari, ad oggi la situazione sembra essere precipitata. Addirittura la seduta dell'ottava commissione non si è potuta tenere per la mancanza di un segretario verbalizzante. 

Un vulnus molto serio per la democrazia cittadina. Il primo ad intervenire, e che già aveva lanciato l'allarme, è stato proprio il presidente dell'ottava commissione (nonché capogruppo di Grande Catania) Sebastiano Anastasi: "Da più di un mese la commissione affronta disservizi e parliamo di una commissione, così come le altre, che ha prodotto un intenso lavoro. Da circa un mese andiamo avanti solo per la nostra buona volontà. Oggi non è stato possibile tenere i lavori per mancanza di un segretario verbalizzante e addirittura si è parlato di autogestione. Adesso si faccia luce su tutto questo: la misura è colma".

Anastasi denuncia la mancanza di personale: quello impegnato nei lavori consiliari e delle commissioni è esiguo e stracarico di lavoro. Mentre ci sarebbero altri dipendenti con carichi "inferiori" e proprio su questo il consigliere ha ventilato la richiesta di informazioni relative proprio alla suddivisione dei compiti tra i dipendenti, preannunciando anche che se non vi saranno risvolti positivi immediati si potrebbero verificare forme di protesta clamorose durante i lavori consiliari.

Sulla stessa linea anche il consigliere Luca Sangiorgio: "A breve non saremo in grado nemmeno di farei consigli comunali. C'è un manipolo di dipendenti volenterosi che andrebbe premiato ma c'è un problema serio di personale. Un problema gestionale ma che ha riflessi politici. Il mio gruppo consiliare ha un dipendente che cerca di fare il possibile per supplire alla esiguità del personale e per colmare le falle. E' un problema serio e siamo stati zitti per mesi ora è il momento di dire tutto ciò in consiglio comunale".

Anche l'esponente del M5S Graziano Bonaccorsi è intervenuto con veemenza: "Condivido l'allarme dei colleghi. C'è stato un clima esasperante e si spera possa cambiare con un nuovo direttore del personale. Io stesso ho avuto un alterco con l'ex direttore del personale per la commissione Urbanistica che è ferma nonostante le tante emergenze come piazza della Repubblica, Prg, monte San Paolillo. Quando si era parlato di una commissione itinerante al Santa Marta qualcuno ha tirato fuori pure la possibilità di autogestione della commissione!".

Poi la proposta che potrebbe essere condivisa in maniera bipartisan: "Se non si riusciranno a risolvere i problemi faremo manifestazioni anche in pubblica piazza, conferenze stampa. Non vogliamo e non possiamo stare a guardare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "rivolta" dei consiglieri comunali per la mancanza di personale: "Impossibile poter lavorare"

CataniaToday è in caricamento