rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Politica

Il 2021 del consiglio comunale: 49 sedute e 74 delibere approvate

Sono stati diffusi anche i dati delle presenze: a fare l'en plein sono i consiglieri Sebastiano Anastasi, Alessandro Campisi e Gaetano Santo Russo, che hanno partecipato a tutte e 49 le sedute assembleari

Il secondo anno del consiglio comunale in "dad" - o meglio in seduta per una parte svolta online e per una parte in presenza - porta alcuni risultati differenti in termini di presenze e assenze dei componenti del civico consesso. Dai numeri diffusi da Palazzo degli Elefanti infatti oltre ai tradizionali recordman di presenze, quali ad esempio Sebastiano Anastasi e Alessandro Campisi, si nota come le medie della partecipazione alle sedute siano aumentate. Ma andiamo con ordine: nel 2021 sono state svolte complessivamente 49 sedute, compresi 7 consigli straordinari e sono state approvate 74 proposte di deliberazione e più di 13 mozioni e ordini del giorno.

Le presenze

I più assidui frequentatori dell'aula sono stati con 49 presenze Sebastiano Anastasi, Alessandro Campisi e Santo Russo, tutti e tre i consiglieri appartengono alla maggioranza. A ruota, con 48 presenze, vi sono Lidia Adorno, il presidente Giuseppe Castiglione e Angelo Scuderi. 

Se nel 2020 l'ex sindaco, oggi consigliere, Enzo Bianco aveva conquistato la medaglia di legno con soltanto 15 presenze nel 2021 ha "migliorato", seppur di poco, il suo trend, E' stato presente 32 volte. Peggio di lui fanno Curia (31 presenze) e Tomasello (24 presenze). Quest'ultimo anche lo scorso anno aveva raggranellato un numero esiguo di partecipazioni alle sedute, soltanto 17. 

Le parole del presidente

“Durante questo arco temporale - ha detto il presidente del consiglio Castiglione - malgrado le difficoltà causate dall'emergenza Covid e dalle sedute convocate con sistema misto, in presenza e da remoto, l'assemblea cittadina ha prodotto numerosi e importanti risultati. Su tutti l'approvazione dei documenti finanziari, due bilanci di previsione approvati e altrettanti rendiconto di anni precedenti, documenti fondamentali per il buon andamento della macchina amministrativa".

"Ringrazio particolarmente i capigruppo e i colleghi consiglieri, di maggioranza e opposizione, che non hanno mai fatto mancare il loro apporto ai lavori d'Aula con spirito di servizio a favore della città tutta. Il contributo fattivo del consiglio - ha aggiunto il presidente del civico consesso di Palazzo degli Elefanti - è un dato oggettivo che testimonia il grande senso di responsabilità più volte dimostrato in parallelo all'azione della giunta comunale”.

Le principali delibere approvate, oltre a quelle fondamentali di carattere finanziario, annoverano il riconoscimento di  numerosi debiti fuori bilancio di anni pregressi, il nuovo piano di protezione civile, la fusione tra Amt e Sostare, il registro per il diritto dei minori alla bigenitorialità. L'anno che si apre di certo porterà refluenze politiche in aula: la scadenza ormai imminente delle regionali e la preparazione verso le amministrative del 2023 potrebbero portare sviluppi nella geografia consiliare. Senza dimenticare le recenti tensioni nella maggioranza: autonomisti e leghisti sono alla finestra in attesa di capire le "mosse" del sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 2021 del consiglio comunale: 49 sedute e 74 delibere approvate

CataniaToday è in caricamento