Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Conte attacca Salvini e Meloni e disegna il futuro: "Per le Regionali rafforzare dialogo con il Pd"

Il leader del Movimento Cinque Stelle nel primo dei due giorni dedicati al Catanese ha ricevuto l'abbraccio di diverse piazze e ha tracciato l'orizzonte dei pentastellati per la prossima competizione regionale

Ha ricevuto l'abbraccio di Adrano, Ramacca, Grammichele e Caltagirone e proseguirà oggi a Giarre e Misterbianco. Il "tour" di Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle, a sostegno dei candidati a sindaco ha tracciato la nuova retta dei pentastellati aprendo subito il dibattito sulle prossime regionali siciliane. Sono lontani i tempi in cui Grillo attraversava a nuoto lo Stretto e lanciava la sua sfida alla partitocrazia non volendosi alleare con nessuno. Conte è dialogante, felpato e lascia spalancata la porta al Pd per individuare il candidato presidente.

Su questa differenza di "pelle" del Movimento Conte chiarisce subito, prendendo in esame le parole di un deputato pentastellato, Gianluca Vacca, che aveva parlato di un movimento "sbiadito". "Il M5S ha una chiara identità - dice Conte - forse prima poteva esserci qualche incertezza nel vecchio corso perché non c'era la carta dei valori e dei principi. Adesso invece per quanto riguarda la connotazione politica il M5S anzi ha una forte identità".

Dalla piazza di Ramacca, a sostegno di Teresa Corallo, Conte ha annunciato l'avvio di una interlocuzione col Pd: "Non c'è dubbio che dovremo varare il nuovo organigramma che non abbiamo fatto in tempo a varare prima perché eravamo sotto questa tornata elettorale e credo anche giusto che i nuovi organi non debbano ripartire da un risultato che non può appartenere alla nuova gestione".

"Il Movimento cinque stelle ha abbracciato un nuovo corso - ha aggiunto l'ex presidente del consiglio - di forte rinnovamento e rilancio che ha al centro i principi e i valori per cui è nato: questi sono ancora più forti e chiari di prima, li abbiamo scritti nero su bianco sulla carta dei principi e dei valori che sarà la nostra bussola". Da Adrano, per sostenere il candidato sindaco Calambrogio, Conte ha poi puntualizzato: "Non vi possiamo garantire che non sbaglieremo perché ci riteniamo, come tutti gli esseri umani, fallibili tuttavia vi garantiamo che se dovessimo commettere qualche errore sarà in buona fede. Anche il nuovo corso del movimento continuerà una battaglia constante contro ogni forma di corruzione e infiltrazione mafiosa".

Poi l'esponente pentastellato, dopo aver parlato di un percorso di semina a lungo termine per il Movimento, ha attaccato il centrodestra. "Bersagli" sono stati Salvini e Meloni. Con il primo ci governa insieme, mentre con la leader di FdI rappresenta l'unico partito d'opposizione in parlamento: "Salvini ogni giorno cambia posizione e abbiamo una forza politica, Fratelli d'Italia, che è rimasta all'opposizione che non ho capito se è per i no greenpass, i novax o i free vax o chissà quale altra diavoleria ogni giorno ci si inventa".

"Immaginate che Durigon venga qui - ha proseguito Conte - immaginate che questa piazza sia intitolata a Falcone e Borsellino, con a fianco il suo leader di partito della Lega, Matteo Salvini, e dica pubblicamente, che dobbiamo rimuovere il nome per intitolare la piazza al fratello di Mussolini. E' una vergogna. Abbiamo subito chiesto le sue dimissioni. Abbiamo dovuto attendere 22 giorni ma Durigon, quel membro di governo è andato a casa. Con noi non si scherza". Sia Durigon sia FdI sono stati investiti dalle conseguenze di due inchieste giornalistiche di Fanpage e l'ex premier è tornato anche sulle recenti vicende milanesi che hanno fatto partire un'inchiesta per presunti fondi neri e riciclaggio.

"Giorgia Meloni ha chiesto i filmati integrali dell'inchiesta di Fanpage - ha sferzato Conte -. Le ho chiesto pubblicamente di prendere le distanze dai candidati coinvolti in questa inchiesta, qui non c'è solo una rilevanza penale, ci sono dei valori e dei principi che sono costitutivi della nostra Costituzione repubblicana. Allora le ho chiesto di prendere le distanze da inneggiamenti a Hitler, saluti fascisti, accuse antisemite, sospetti finanziamenti illeciti e tutto quel brodo di coltura che secondo un tal tizio che chiamano 'Barone nero' varrebbe un 5 per cento di consenso. Prenda le distanze che non sono ancora arrivate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conte attacca Salvini e Meloni e disegna il futuro: "Per le Regionali rafforzare dialogo con il Pd"

CataniaToday è in caricamento