Politica

Continuità territoriale e tariffe agevolate, dopo Comiso anche Catania potrebbe fruirne

L'annuncio del deputato del Movimento Cinque Stelle Luciano Cantone: si potrebbe volare con tariffe calmierate anche dallo scalo etneo

Lo scorso Natale svariate erano state le iniziative, anche provocatorie, per far rientrare i fuorisede evitando il "salasso" delle comapagnie aeree. Anche la Regione Siciliana aveva messo a disposizione dei bus a prezzo simbolico per tendere la mano a studenti e lavoratori siciliani al nord. Adesso in due scali, Trapani e Comiso, sono attive le tariffe calmierate in base alla continuità territoriale e il deputato Luciano Cantone ha annunciato un allargamento anche agli altri scali siciliani.

“Il tema di ogni Natale è stato, inevitabilmente, quello del caro voli per tutti quei siciliani – studenti, lavoratori o persone bisognose di cure specialistiche – che volevano fare ritorno a casa per le feste. Ogni anno abbiamo assistito al solito carosello di dichiarazioni sui prezzi capestro imposti dalle compagnie aree e sulle enormi difficoltà delle famiglie di far fronte a veri e propri salassi”.

“Grazie all’impegno iniziato dall’allora ministro di Danilo Toninelli e del viceministro Giancarlo Cancelleri, già da un mese è stata attuata finalmente la tanto decantata continuità decantata continuità territoriale da e per Comiso e Trapani verso altri grandi aeroporti italiani. Ciò vuol dire stop ai salassi per i siciliani che debbono tornare a casa per le festività natalizie: sino all'anno scorso le famiglie erano costrette a sacrificare parte della tredicesima pur di tornare”, aggiunge Cantone.

Poi ha concluso: “Dal mese di novembre è effettiva la continuità territoriale e i siciliani possono così viaggiare, compatibilmente con le misure anti Covid, a prezzi calmierati di 50 euro per la tratta Comiso - Milano e 38 per la tratta Comiso - Roma. Adesso però occorre ampliare il raggio della continuità territoriale anche per gli aeroporti di Catania e Palermo e il Movimento Cinque Stelle si sta impegnando per raggiungere questo obiettivo. Il vice ministro Cancellieri sin dal suo insediamento ha lavorato per l'allargamento delle tariffe sociali da e per gli scali delle due città più grandi dell'isola e nei primi mesi del 2021 le tariffe sociali saranno una realtà in attesa che si completi l'iter per la continuità territoriale per tutti gli hub della Sicilia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continuità territoriale e tariffe agevolate, dopo Comiso anche Catania potrebbe fruirne

CataniaToday è in caricamento