Corruzione elettorale, chiesta l'archiviazione per il sindaco di Aci Castello

L'inchiesta per corruzione elettorale era stata avviata alla fine dell'anno scorso.

Carmelo Scandurra, sindaco di Aci Castello, annuncia che è stata chiesta l’archiviazione per la sua posizione, nel procedimento a carico del deputato regionale Luca Sammartino e di altri sei. L'inchiesta per corruzione elettorale  era stata avviata alla fine dell'anno scorso.

“Ero certo dell’esito che la vicenda avrebbe preso. La mia posizione è stata stralciata ed è stata richiesta l’archiviazione, il giudice delle indagini preliminare ha riconosciuto la correttezza del mio operato e l’assenza di qualsivoglia forma di comportamenti poco trasparenti da parte mia”, dichiara il primo cittadino. “Le mie scelte politiche non sono mai state determinate da mercanteggiamenti ma da convincimenti; l’ho sempre detto, vederlo riconosciuto da un giudice conferma la mia fiducia nella magistratura e regala la giusta serenità, a me e alla mia famiglia. Alla quale dai soliti mestatori d’odio nulla è stato risparmiato, in termini di allusioni, parole sprezzanti, intrise di cattiveria - dichiara ancora - Chi è toccato in prima persona da una vicenda giudiziaria, sapendosi innocente, affronta in solitudine un calvario. Che non è quello del giudizio, chi è innocente lo affronta a testa alta, ma del pregiudizio alimentato dal giustizialismo di terz’ordine, soprattutto dai fanatici dei social.” “Io esco da questa vicenda innocente, sereno e a testa alta. Chi spara sentenze prima del tempo rifletta sul male che fa: dall’altra parte della tastiera ci sono persone in carne e ossa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento