rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
E' polemica

La polemica interna, Democrazia Cristiana Sicilia precisa: "Zappalà non è il nostro candidato"

Una polemica interna, sull'uso del simbolo e sull'appoggio al candidato Sindaco di Catania, Lanfranco Zappalà, divide la Democrazia Cristiana dalla DC Nuova Sicilia di matrice cuffariana

"La Dc che per le amministrative a Catania ha siglato un accordo con il candidato sindaco Zappalà non è la nostra Democrazia Cristiana. Auguriamo al signore che firma note stampa per conto della sua DC personale buona fortuna e di riuscire ad avere qualche iscritto e qualche voto, cosa di cui dubitiamo. Di certo c’è che non può avvalersi della denominazione DC e del nostro simbolo che è la 'bandiera crociata', che è registrata come gruppo all‘Ars". E' quanto dichiara in una nota Democrazia Cristiana Sicilia in riferimento a quanto reso noto ieri dal candidato Sindaco Lanfranco Zappalà.

"E' un problema di bandiere - spiega Zappala' - che rischia di generare confusione e confermo di non aver mai avuto contatti con la Nuova DC di Cuffaro. Mentre ho ricevuto l'appoggio del partito nazionale, presente anche in Sicilia e che vede Andre Saraniti come vice segretario regionale". "Noi siamo assolutamente coerenti - conferma Andrea Saraniti - con settant'anni di storia politica alle spalle. Facciamo riferimento alla 'balena bianca', con una storia ed un simbolo diversi da quelli della Nuova DC Sicilia. Comprendo bene le ragioni poltiche che stanno a monte di questa presa di posizione, ma non capisco il perchè di queste offese gratuite".

A destra Cuffaro con il simbolo DC Sicilia, a sinstra il segretario nazionale DC Angelo Sandri

"Siamo componenti del Governo e alleati affidabili e fedeli della coalizione di centrodestra che guida la Regione. La scelta del candidato Sindaco di Catania -dichiara l’assessore regionale delle Autonomie Locali e della Funzione pubblica, Andrea Messina - è attualmente oggetto di confronto tra i partiti della coalizione che stanno valutando la migliore proposta nell’interesse della buona amministrazione della città. Come precisato anche dal Commissario Regionale della Democrazia Cristiana, Totò Cuffaro, le dichiarazioni rese in questi giorni attraverso la stampa sono frutto di esternazioni rese da soggetti che nulla hanno a che fare con la DC che noi rappresentiamo in seno al Governo e che, con il simbolo della bandiera crociata di sturziana memoria, è registrata come gruppo parlamentare all’Ars".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polemica interna, Democrazia Cristiana Sicilia precisa: "Zappalà non è il nostro candidato"

CataniaToday è in caricamento