Politica

Dissesto, senza bilancio addio ai dirigenti

Il sindaco ha rivisto le assegnazioni delle direzioni alla luce della scadenza dell'incarico dei funzionari a tempo determinato. Non possono ottenere un rinnovo senza l'approvazione del bilancio stabilmente riequilibrato

Come anticipato qualche giorno addietro è arrivato il momento in cui l'ente di Palazzo degli Elefanti ha dovuto dire addio a diversi dirigenti a tempo determinato. Una iattura per gli uffici e per l'amministrazione che dovranno fare a meno di diverse figure in settori nodali per la città.

Quindi la macchina non potrà che subire ulteriori rallentamenti specie in un periodo così delicato come l'attuale, con le direzioni impiegate a far quadrare il cerchio tra tagli, risparmi di spesa e il delicato mantenimento dei servizi essenziali.

Il dissesto è la causa del "male". Infatti la proroga degli incarichi a tempo determinato, per gli enti in dissesto, deve passare da un organismo chiamato Cosfel che monitora la stabilità finanziaria dei Comuni e non solo.

La Cosfel in quest'ultimo caso non avrebbe dato l'assenso per una ulteriore proroga richiesta per gli incarichi dei dirigenti, alcuni dei quali ricoprivano caselle nodali per il Comune come la Ragioneria, l'Ecologia, l'Urbanistica e il Capo di Gabinetto.

Così il primo ottobre il sindaco Pogliese ha rivisto gli incarichi, dividendo ai dirigenti a tempo indeterminato le diverse deleghe rimaste vacanti.

Stefano Sorbino ricoprirà la guida delle direzioni Ecologia, Autoparco, Politiche Comunitarie oltre a continuare ad essere a capo dei vigili urbani, mentre Maurizio Consoli che aveva la direzione Smart City e Sistemi Informativi dovrà anche lavorare per la direzione Patrimonio e Partecipate.

Pietro Belfiore andrà nel Gabinetto del sindaco e continuerà ad essere dirigente delle Risorse Umane, Presidenza del Consiglio e vice segretario comunale; l'architetto Maria Luisa Areddia avrà ad interim l'Urbanistica, mentre Fabrizio D’Emilio avrà l’incarico della direzione Lavori Pubblici – Infrastrutture – Mobilità Sostenibile- Servizi Cimiteriali.

Completano il quadro Francesco Gullotta alla Ragioneria e Paolo Italia che avrà Sport, Pubblica Istruzione e Affari Generali. Adesso rinnovi e bandi per reclutare nuovi dirigenti e personale dovranno aspettare la dead line dell'approvazione del bilancio che si conta di avere nelle prossime settimane.

Indubbiamente la mancanza dei dirigenti graverà sui "tempi" di risposta di Palazzo degli Elefanti e quindi sui cittadini. Un altro "regalo" del dissesto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dissesto, senza bilancio addio ai dirigenti

CataniaToday è in caricamento