Ramacca, ci riprova anche Pippo Limoli. I grillini corrono con il giovane Nicolosi

Unico comune in provincia di Catania a votare secondo la scadenza naturale del mandato. La corsa sarà a cinque per la poltrona di primo cittadino

Unico comune in provincia di Catania a votare secondo la scadenza naturale del mandato. La corsa sarà a cinque per la poltrona di primo cittadino. Si ricandida l'uscente Francesco Zappalà del Partito Democratico sostenuto dalla sola lista del PD.

Elezioni amministrative di domenica 5 giugno 2016: i comuni etnei al voto

Sarà della partita anche Pippo Limoli, già deputato regionale e sindaco di Ramacca, fedelissimo dell'ex senatore Pino Firrarello, sostenuto da 5 liste: Ramacca domani, Io c’entro, Rivivere Ramacca, Per Ramacca con orgoglio e Primavera Ramacca. Sul fronte dei pentastellati sarà Gaetano Nicolosi a guidare i 5 stelle verso la corsa a Palazzo di Città, in questi giorni sostenuto anche dal vicepresidente della Camera Luigi Di Maio e dal deputato del direttorio a 5 stelle Alessandro Di Battista.

Paolo D’Amato scende in campo e lancia nel suo programma un surrogato del reddito di cittadinanza tanto caro a grillini. D'Amato è sostenuto dalla lista Progetto Sicilia.
Francesco Nicodemo sostenuto da Facciamo Ramacca e Progetto Ramacca è un politico navigato con riferimenti culturali al centrodestra. Nel 1991 è stato sindaco per 8 mesi di Ramacca.

I programmi elettorali sono tutti molto simili tra loro, i punti in comune sono l'aumento della quota di raccolta differenziata, il sostegno alle famiglie più deboli e il rilancio dell'economia ramacchese. Due generazioni si scontrano in queste elezioni, i politici navigati contro chi si affaccia da poco al mondo della politica attiva rappresentativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento