rotate-mobile
Politica

Di Paola (M5S) difende il reddito di cittadinanza: "Ha sottratto manovalanza alla mafia"

Secondo Di Paola "la maggior parte dei percettori del reddito non è in condizione di lavorare, tra questi ci sono pure 200 mila disabili"

"Le macerie lasciate dal governo Musumeci e dai governi precedenti sono sotto gli occhi di tutti. Bisogna rimboccarsi le maniche e ripartire quasi da zero praticamente in tutti i settori, a partire da infrastrutture, lavoro, sanità, turismo e ambiente che sono i capisaldi del rilancio della Sicilia e che noi abbiamo messo al centro della nostra azione politica. Occhio, però, a sparare a zero sul reddito di cittadinanza, sarebbe come condannare a morte migliaia di famiglie che non hanno praticamente nessun mezzo di sostentamento e che, specie durante la pandemia, sono riuscite a tirare avanti grazie a questo strumento”. Lo afferma il candidato presidente del M5S alla presidenza della Regione Siciliana Nuccio Di Paola.

“Oggi Conte – afferma Di Paola - interviene giustamente in difesa di questo strumento. É l'unico a farlo in mezzo ai continui attacchi quotidiani che arrivano praticamente da tutti gli schieramenti politici. Il Rdc è una misura certamente da migliorare, e noi siamo i primi a dirlo, ma che ha permesso, come attesta l'Istat, di ridurre di un milione il numero di poveri nel nostro Paese, oltre a sottrarre manovalanza alla mafia, come dimostrano le recenti intercettazioni di boss. Tra l'altro vanno sfatati alcuni luoghi comuni che alcuni politici cavalcano solo per demonizzarlo: la maggior parte dei percettori del reddito non è in condizione di lavorare, tra questi ci sono pure 200 mila disabili”. “Piuttosto – conclude Di Paola - cerchiamo di correggere le falle che ci sono state sul fronte delle politiche attive del lavoro e che sono in gran parte da addebitare ai governi regionali, come in Sicilia. Musumeci, ad esempio, ha letteralmente dormito sulle risorse destinate a questo scopo dal governo Conte, che nel 2019 ha stanziato solo per la Sicilia 86 milioni per il potenziamento dei Centri per l’impiego, anche grazie a nuove assunzioni, per favorire l’incontro tra domanda e offerta. Ebbene, la Regione si è svegliata solo adesso, a ridosso delle elezioni, con le selezioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Paola (M5S) difende il reddito di cittadinanza: "Ha sottratto manovalanza alla mafia"

CataniaToday è in caricamento