Librino, parte da qui l'impegno di Stancanelli per il secondo mandato

Continua da Librino l'impegno di Raffaele Stancanelli per la città. Al viale San Teodoro nasce il centro civico "Tutti per Catania", luogo d'incontro nel quale far convergere idee e progetti per "una Catania che cresce e si sviluppa"

Continua da Librino l’impegno di Raffaele Stancanelli per la città. Al viale San Teodoro nasce il centro civico “Tutti per Catania”, luogo d’incontro nel quale far convergere idee e progetti per "una Catania che cresce e si sviluppa". Centinaia di cittadini hanno accolto il sindaco Stancanelli che, insieme a Suor Lucia- figura simbolo del riscatto di questo quartiere - ha inaugurato il Centro civico nel cuore di Librino a riconferma del suo impegno per questa zona nevralgica della Città.

"Un impegno concreto, senza illusorie false promesse", si legge nella nota. Dalla realizzazione del parco Moncada alla riqualificazione del Palazzo di cemento. Dal nuovo commissariato di polizia che verrà ospitato nella ristrutturata villa Nitta al progetto di un nuovo stadio. E, ancora,  grazie all’impegno di Suor Lucia, l’edificio abbandonato adiacente all'Oratorio Giovanni Paolo II si trasforma in centro di aggregazione per giovani del quartiere con il finanziamento di 814.000,00 euro che il Comune di Catania ha ottenuto dal Ministero dell’Interno con il progetto “In Campo per la Legalità”, rientrante nel Programma Operativo Nazionale (PON) Sicurezza per lo Sviluppo.

“Senza promettere nulla – ha dichiarato Stancanelli - abbiamo lavorato cinque anni pensando principalmente ai quartieri. Per questo abbiamo scelto di aprire questo dignitoso centro civico a Librino. Senza eccedere. È la scelta ideale per dire le cose che abbiamo fatto e quelle che stiamo continuando a fare”.

“Librino era al buio e ci abbiamo lavorato. Andiamo nei condomini e parliamo con la gente. Ascoltiamo le esigenze e facciamo – ha continuato il sindaco di Catania, circondato da sostenitori e semplici cittadini venuti dai rioni vicini -Perché prima di fare politica abbiamo deciso di fare amministrazione. Abbiamo trovato una Catania in dissesto ma ci siamo messi subito a lavoro con convinzione e onestà”.

“C'è tanto ancora da fare. Ma noi facciamo e non promettiamo. Abbiamo fatto il centro civico qui perché è una parte di Catania che soffre ma che è sana, fatta di gente per bene. Dopo il risanamento al quale abbiamo lavorato, adesso Catania deve crescere in armonia tutta insieme senza distinzioni tra centro storico, quartieri periferici, zone residenziali o commerciali”, ha concluso Stancanelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento