Province: Bianco, “Sicilia all’avanguardia nei tagli ai costi della politica”

“Abbiamo sempre condiviso, dunque – ha aggiunto il candidato sindaco di Catania –, l’idea oggi finalmente concretizzata dal presidente della Regione Rosario Crocetta e da chi lo ha sostenuto: quella di un organismo di secondo grado composto dai rappresentanti dei Comuni che ne fanno parte, sia che si tratti di libero consorzio, sia che si tratti di aree metropolitane

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

“Una Sicilia all’avanguardia che taglia i costi della politica e si libera degli orpelli inutili”. Così Enzo Bianco ha commentato il sì definitivo di un’Ars “in cui, finalmente,  si respira un’aria nuova” all’eliminazione delle Province. Bianco ha ricordato di essersi battuto, da relatore della Carta delle Autonomie nell’ultima legislatura del Senato, per la trasformazione in tutt’Italia delle province in liberi consorzi di Comuni,  linea precedentemente sostenuta anche come sindaco di Catania e presidente nazionale dell’Anci.

“Abbiamo sempre condiviso, dunque – ha aggiunto il candidato sindaco di Catania –, l’idea oggi finalmente concretizzata dal presidente della Regione Rosario Crocetta e da chi lo ha sostenuto: quella di un organismo di secondo grado composto dai rappresentanti dei Comuni che ne fanno parte, sia che si tratti di libero consorzio, sia che si tratti di aree metropolitane. E questo è l’altro aspetto straordinariamente importante della legge: finalmente Catania, Palermo e Messina potranno avere un governo non più solo nell’ambito comunale. Adesso il problema delicato è come sarà attuata questa riforma, ma c’è tutto il tempo per studiare come realizzarla al meglio”.

 “Questa scelta innovativa – ha concluso Bianco – non deve preoccupare i dipendenti delle amministrazioni provinciali: un governo dell’area vasta è sempre necessario, si tratta solo di alleggerirne il peso politico e soprattutto i costi della politica. Ma le funzioni, ovviamente, restano. Quindi, nessuna smobilitazione: i dipendenti continueranno regolarmente a lavorare”.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento