Elezioni, Stancanelli: "Concretamente vicino alle famiglie con disabili a carico"

Il Sindaco ha incontrato una delegazione di famiglie di persone con portatori di handicap e associazioni di volontariato. A farsi portavoce delle loro richieste è stata la signora Angela Rendo

“Se l’imposta Imu dovesse essere ripristinata cosa che non auspico, ne concorderò l’ammontare con le esigenze delle fasce dei cittadini e delle categorie, ascoltando i loro suggerimenti. Stessa cosa per la Tares, perché un vero amministratore deve porsi il problema delle difficoltà che hanno le famiglie con disabili a carico”.

Con questa premessa il Sindaco Raffaele Stancanelli ha incontrato una delegazione di famiglie di persone disabili e associazioni di volontariato impegnate a tutela della disabilità. “Comprendo le difficoltà delle famiglie con disabili – ha dichiarato il Sindaco -e sono al loro fianco perché ricevano la migliore assistenza possibile. La politica deve ascoltare i bisogni dei cittadini più fragili, e garantire un welfare modellato sulle loro esigenze”.

A farsi portavoce delle loro richieste è stata la signora Angela Rendo, coordinatrice per la Sicilia dell’associazione “Famiglie disabili gravi e gravissimi”.

“La nostra prima istanza – ha detto – riguarda l’assistenza domiciliare, per la quale vorremmo avere il diritto di scegliere fra i dipendenti delle cooperative e una persona di nostra fiducia, regolarmente retribuita. Chiediamo inoltre la creazione di spazi aggregativi per i disabili e la costituzione di un tavolo tecnico che riunisca figure competenti sulla disabilità”.

“In tema di assistenza domiciliare – ha risposto il Sindaco - stiamo lavorando da tempo per garantire alle famiglie un budget da spendere come meglio credono. Ricordo però che il regolamento sui servizi sociali è rimasto colpevolmente fermo in consiglio comunale, non per mia volontà ma di chi vorrebbe ripristinare il vecchio andazzo: mi impegno sin da ora a farlo approvare in tempi brevi dalla prossima consiliatura”.

“Per quanto riguarda gli spazi aggregativi – ha aggiunto Stancanelli – ci siamo mossi per ottenere alcuni finanziamenti, tra cui quello da un milione e 400mila euro per Villa Fazio a Librino, che si trovava in condizioni di abbandono e diventerà un centro di aggregazione per famiglie e ragazzi, in primo luogo disabili”.

Le famiglie dei disabili e i rappresentanti delle associazioni hanno ringraziato il Sindaco per la disponibilità dimostrata, concordando nei prossimi giorni un nuovo appuntamento per definire gli aspetti tecnici delle questioni poste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Sicilia 15 nuovi casi di Coronavirus, nessun focolaio: quattro casi a Catania

  • Coronavirus, famiglia positiva a Librino: l’Asp sta ricostruendo i movimenti dei 4 componenti

  • Sidra, giovedì 16 luglio sospesa erogazione idrica in un'ampia area di Catania

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Movida “affollata” al Banacher: disposta la chiusura per 5 giorni

Torna su
CataniaToday è in caricamento