Stancanelli presenta la squadra di giunta a Librino: sette giovani ed esperti

"Tre donne e quattro uomini, perché noi le pari opportunità le creiamo sul serio e non solo sulla carta o la facciata". Così Stancanelli ha presentato a Librino la sua squadra di assessori per il prossimo mandato

“Una squadra di giovani, ma già esperti e capaci. Tre donne e quattro uomini, perché noi le pari opportunità le creiamo sul serio e non solo sulla carta o la facciata”. Così il sindaco Raffaele Stancanelli ha presentato stamattina al centro civico “Tutti per Catania” di viale San Teodoro a Librino la sua squadra di assessori per il prossimo mandato.

“Questa giunta – ha aggiunto Stancanelli – è frutto di una logica condivisa da tutta la coalizione, abbiamo scelto persone capaci e inserite nel territorio. Dal vicesindaco designato Nuccio Condorelli, chirurgo con alle spalle l’esperienza di capogruppo al consiglio comunale di Catania a Claudio Corbino fondatore e presidente dell’associazione ´Diplomatici´; dall’avvocato ed ex vicepresidente della Provincia Ruggero Razza all’ingegnere Sonia Grasso, espressione della società civile; da Ester Di Bartolo, imprenditrice nel settore delle nuove tecnologie a Sergio Parisi, attuale assessore allo Sport del comune di Catania, come nel solco dell’attuale amministrazione si pone l’avvocato Carmencita Santagati, che si è distinta in questi anni anche per il suo impegno nelle pari opportunità”.

La scelta di presentare gli assessori designati a Librino non giunge a caso: “Ho posto le periferie al centro del mio lavoro - ha precisato Stancanelli - perche Catania é una, senza distinzioni. In questi cinque anni sono stato il sindaco di tutta la città e di tutti i catanesi, a prescindere dall’appartenenza politica e del territorio di residenza”

“Devo registrare -ha chiosato il sindaco- che non è cosí per il presidente della Regione Rosario Crocetta, che dovrebbe essere al servizio di tutti i siciliani -ha aggiunto il primo cittadino -  e che, invece di impegnarsi a tempo pieno nell’attività amministrativa regionale, ha deciso di stabilirsi a Catania per fare campagna elettorale ad un candidato sindaco in lizza. Per quanto riguarda poi la notizia della concessione da parte della Regione di uffici al Tribunale di Catania, trovo assurdo che non ci abbia consultati, dimostrando totale disprezzo per la più elementare correttezza istituzionale ”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento