La carica dei grillini catanesi: Giulia Grillo

Eletta alla Camera dei Deputati: 37 anni. Fidanzata e medico legale. Svolge la sua attività da libero professionista. Ha una specializzazione in bioetica e in valutazione del danno

Eletta alla Camera dei Deputati: 37 anni. Fidanzata e medico legale. Svolge la sua attività da libero professionista. Ha una specializzazione in bioetica e in valutazione del danno.

Nel suo profilo di candidata- ormai eletta- scrive:

"CV attivismo: nel 2006 iscrizione al meetup di Catania con banchetti e volantinaggi informativi. Raccolta firme per la proposta di Legge “Per un’altra TV”. 2006/2007 costituzione con P. Guarnaccia, L. Solarino, G. Franco e altri del comitato anti-inceneritori e successiva costituzione dell’associazione decontaminazione Sicilia con attività di informazione, dibattiti, azioni di protesta (conoscenza in quell’anno del Prof. Paul Connett). Attività di collaborazione con il giornale locale Isola Possibile; lotta contro le trivellazioni in Val di Noto (comitato no Triv); lotta contro le privatizzazioni dell’acqua pubblica nei comuni di Ragusa (con B. Grimaudo e padre Zanotelli);lotta contro la costruzione delle villette in contrada Xirumi; costituzione del comitato cittadino “NOI decidiamo” con la finalità (raggiunta) di far approvare il regolamento attuativo per l’uso degli strumenti di partecipazione popolare nel comune di Catania; partecipazione alla nascita del comitato Addio Pizzo di Catania; attività di organizzazione dei due V-Day di Catania; candidata alle regionali siciliane del 2008 con lista “Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano Presidente”;nel 2010 partecipazione alla nascita ed attività dell’associazione “Rifiuti Zero Catania”;nel 2011 partecipazione alla campagna referendaria per l’acqua pubblica e contro il nucleare;partecipazione come referente provinciale del M5S di Catania alle regionali siciliane del 2012. CV professionale: diploma di maturità scientifica; laurea in medicina e chirurgia; diploma di specializzazione in Medicina Legale e delle Assicurazione; master in bioetica; master in valutazione del danno alla persona. Buona conoscenza lingua inglese (first certificate). Discreta conoscenza della lingua francese. Ho sempre svolto e svolgo in atto attività libero professionale come medico-legale con particolare competenza in materia di risarcimento del danno e previdenziale"

Dichiarazione di intenti per il parlamento:

1) realizzare con tutti mezzi la democrazia partecipata, portare fuori dalle istituzioni tutte le informazioni, portare i cittadini dentro le istituzioni (quindi refrendum senza quorum  etc.) 2) realizzare il programma nazionale in particolare tutti i punti a costo zero che interrompono il ciclo di autoalimentazione delle oligarchie e dell’intromissione di privati nella gestione della cosa pubblica; 3) evidenziare le incongruenze del fiscal compatc e tutelare la sovranità nazionale in modo che non possa sottostare a nessuna banca o organo economico sovranazionale; 4) realizzare una politica fiscale che consenta prelevi  più equi fondati sulla capacità contributiva e non si fermi al tetto di reddito dei 75.000 colpendo solo la classe medio bassa; 5) realizzare il punto del programma che prevede il reato di strage  a carico degli amministratori e politici che operino scelte cui conseguono danni alla salute e danni ambientali 6) dato l’enorme costo sia economico che emotivo della patologia oncologica “ rectius cancro”,  investire quante più risorse possibili nella prevenzione quindi bonifica dei territori, disincentivo dell’uso del petrolio, informazione assidua costante e martellante su stili di vita sani, incentivo dell’uso di prodotti alimentari locali, chiara indicazione nelle etichette dei cibi sulla possibile presenza di farmaci (antibiotici) nelle carni e di prodotti chimici nelle verdure, frutta e ortaggi; per la terapia affidare ad una commissione di esperti indipendenti da logiche economiche di valutare l’efficacia di tutte le terapie del cancro da quelle dette convenzionali a quelle non convenzionali e predisporre negli ospedali eventuali alternative terapeutiche a quelle attuali; 7) inserimento di percorsi assistenziali mirati alle differenti patologie croniche che incidono sulla autonomia del paziente (malattie genetiche, autoimmuni, psichiatriche, oncologiche ecc…); 8) Istituzione del reddito di cittadinanza mediante la predisposizione di adeguati strumenti volti all’inserimento dei disoccupati nel mondo del lavoro e disincentivi al mantenimento dello stato di disoccupazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento