Regionali 2012: confronto a cinque in Tv, tra polemiche e tafferugli

Durante il primo confronto televisivo tra i candidati regionali, tante polemiche e battibecchi. Da un sondaggio, però, risulta che 2 milioni di siciliani non voteranno

C' è chi è sceso giù dal palco, come Miccichè. Chi si è definito "l'uomo dei sondaggi", come Musumeci. Chi, come Crocetta, si è sentito "trascurato" dal direttore di Antenna Sicilia. E, infine, chi non usa mezze misure come Ferro dei Forconi. Insomma un confronto televisivo a cinque che, forse, ha lasciato perplessi i telespettatori-votanti.

Dai momenti di tensione all'esterno del teatro ABC - perchè i Forconi e il Movimento Cinque Stelle erano stati esclusi dalla registrazione della trasmissione - al dibattito interno con scintille tra i candidati.

Ma a zittire un po' tutti è stato un sondaggio realizzato dall'istituto di ricerca Demopolis sulle intenzioni di voto dei siciliani, reso noto da Michela Giuffrida durante la prima sfida televisiva. Fra i candidati è, di fatto, testa a testa fra Nello Musumeci e Rosario Crocetta.

L'aspirante governatore del centrodestra, infatti, si attesterebbe al 28%, un punto in piu' dell'esponente di Pd, Udc, Api e Psi che arriva al 27%. Terza piazza per il candidato di Grande Sud, Pds, Fli ed Mps, Gianfranco Miccichè che 'raccoglierebbe' il 20% dei voti. Seguono Claudio Fava, esponente di Sel, Idv ed Fds, con il 14% e Giancarlo Cancelleri, del Movimento 5 stelle che guadagnerebbe l'8% dei consensi. Il dato più significativo è comunque quello dell'astensionismo che si attesta al 43%.

Due milioni di siciliani, quindi, sono pronti a disertare le urne. E dopo l'irrequietezza dei candidati sul palco di "Tiro incrociato" e le continue polemiche sollevate, sarebbe meglio rivedere i sondaggi. In particolare, i battibecchi tra Musumeci, Crocetta e Miccichè hanno riguardato il ruolo del governatore dimissionario e la questione delle liste pulite. Crocetta: "Io sbatterò fuori chi ha problemi giudiziari, tu dici che vuoi fare il pane con la farina che hai ( riferendosi a Musumeci). Questa è la differenza". Musumeci risponde: " La farina nuova, caro Crocetta, non la trovi nè nell'Udc nè nel Pd".

Ma anche tra i due simboli dell'Antimafia non scorrono rapporti ottimali. Fava, infatti, rinfaccia all'ex sindaco di Gela una vecchia intervista nella quale esortava il Partito democratico a entrare nella giunta Lombardo. E Crocetta si sente preso di mira e risponde:" Ti sei accorto che fai campagna solo contro di me e non dici una parola sulla destra?".

In tutto questo, poi, spiccano le personalità "infuocate" di Miccichè e Ferro. Il primo non si perdona un grande errore: quello di aver appoggiato Berlusconi e dice di non sopportare i pentiti precisando che, secondo lui, " sono pentiti sia il Pdl che mi aveva chiamato sia Musumeci che non ha creduto al progetto autonomista". A metà dibattito, accusato di fare comizio e non dare spazio agli altri, lascia il palco dicendo che acquisterà uno spazio pubblicitario " per esporre i punti salienti del suo programma".

E poi, lui, il "forcone" per eccellenza. Mariano Ferro non era stato invitato al dibattito. I suoi forconi, però, hanno bloccato l'entrata del teatro per manifestare contro il mancato invito. Risultato: Ferro è sul palco: " Il centrodestra e il centro sinistra per me sono pari. Nessuno parla dei veri problemi che affliggono l'isola". In una frase conclusiva di Ferro, la sintesi di una serata: " La Sicilia è in ginocchio e questi fanno teatrino".

CINQUE CANDIDATI SUL PALCO - Dopo le proteste davanti al teatro ABC, sono in cinque i candidati saliti sul palco: Musumeci, Crocetta, Miccichè, Fava e Ferro. Mancano Cancelleri, Giacalone, Lucia Pinsone e Gaspare Sturzo.

GLI ESCLUSI DAL DIBATTITO - Giancarlo Cancelleri, candidato alla presidenza della Regione per il "Movimento Cinque Stelle" rIimane fuori dalla trasmissione. Anche i Forconi non sono stati invitati al dibattito. Il motivo di questa "esclusione" sembrerebbe dovuto ad una disposizione dell'Agcom, l'agenzia per le garanzie nelle comunicazioni.

PROTESTA DEI FORCONI - Momenti di tensione davanti al cinema Abc dove un gruppo dei Forconi ha tentato di impedire l'ingresso al pubblico per il confronto televisivo tra 4 candidati alla presidenza della Regione siciliana“.

VIDEO SCONTRO TRA FORCONI E POLIZIA Le riprese del programma “Tiro Incrociato”, della tv locale Antenna Sicilia, si sono trasformate in un violento scontro tra il movimento dei Forconi e la polizia.

SCARLATTA "LA TRASMISSIONE E' ANDATA BENISSIMO"- Finito il primo tempo della trasmissione, è uscito dal teatro ABC di Catania Giuseppe Scarlatta, braccio destro di Mariano Ferro. E, in esclusiva per Cataniatoday, Scarlatta ha commentato la prima parte del programma
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Dove mangiare pesce a Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento