menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regionali, intervista a Toti Lombardo: "Mio padre? Difficilmente eguagliabile"

Toti- figlio di Raffaele Lombardo - studente universitario, sarà candidato alle prossime regionali. Lo abbiamo incontrato per capire meglio la decisione di seguire le orme del padre

Toti Lombardo - figlio di Raffaele Lombardo - studente universitario di 23 anni, sarà candidato alle prossime elezioni regionali e sostiene la candidatura come presidente di Micciché. Il suo slogan è “Liberi di crederci”. Lo abbiamo incontrato per capire meglio la decisione di seguire le orme del padre.

"La decisione di candidarmi alle elezioni regionali - spiega Toti Lombardo - è stata il frutto di una scelta condivisa con chi, in questi ultimi anni, ha portato avanti con passione e dedizione un modello di politica nuova ed onesta, all'insegna del cambiamento e del rinnovamento. Mi riferisco soprattutto a quel piccolo gruppo di giovani amministratori, la maggior parte dei quali ancora ventenni, laureandi o già laureati, che i dirigenti del nostro partito, Movimento per le Autonomie prima e Partito dei Siciliani adesso, hanno avuto il coraggio di far scendere in campo in prima linea e di sostenerli senza titubanze alcune: alla faccia di chi tanto auspica l'impegno dei giovani in politica ma che poi, remando addirittura in senso opposto alla loro elezione, fa di tutto per confermare i soliti "noti", garanti di equilibri ed interessi marci che incrostano le amministrazioni locali".

Come vivi il confronto con la figura forte, nel panorama politico e non, di tuo padre?
"Sicuramente mio padre è un leader carismatico, straordinario e, pertanto, difficilmente eguagliabile. Ha avuto un coraggio davvero invidiabile, riuscendo prima a salvare una Regione quasi al collasso e poi ad intervenire con "dolorose" riforme su questioni calde e scottanti: dalla sanità ai rifiuti, dagli enti locali alla formazione professionale, ha scompaginato business ed affari di miliardi di euro che arricchivano pochi sulle spalle di tutti i siciliani. E, come ogni riforma degna di essere definita tale, anche queste piccole "rivoluzioni" non porteranno a risultati immediati: bisognerà attendere qualche anno ancora; e soltanto allora, ne sono certo, anche coloro che oggi aspramente e duramente le criticano perché malamente informati da notizie faziose, finalmente capiranno il senso e l'importanza di quanto fatto nell'ultimo quinquennio".

Quali sono i punti più importanti del tuo programma politico?
" Tra qualche giorno pubblicherò sul mio blog, liberidicrederci.com, un piccolo programma, elaborato grazie al prezioso contributo di giovani professionisti, costituito da circa una decina di idee che spaziano a 360° dall'agricoltura al turismo, dallo sport alla imprenditoria giovanile, dal sociale all'efficienza della P.A.. Non abbiamo filosofeggiato inutilmente sui grandi temi ma abbiamo, volutamente, individuato specifiche questioni, prototipi di possibili interventi legislativi, che saranno oggetto del mio futuro impegno in assemblea, qualora dovessi aver l'onore, ma anche l'onere, di far parte del parlamento siciliano".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento