Regionali 2012: il programma di Claudio Fava e i primi cinque “assessori”

Fava in conferenza stampa presenta il suo programma "interattivo" che permetterà a chiunque di valutare e dare il proprio contributo direttamente sul sito

“La buona politica deve essere trasparente anche dicendo ciò che vuole fare. Ciò che noi vogliamo fare abbiamo cominciato a spiegarlo presentando questa mattina i primi cinque assessori della squadra”. Lo ha detto Claudio Fava oggi a Palazzo dei Normanni nel corso di una conferenza stampa a Palermo.

I primi “assessori” sono: 1) Adriana Laudani, avvocato amministrativista, già parlamentare regionale indicata per la Riforma della Regione, Decentramento e Partecipazione; 2) Lia Fassari, docente di sociologia del lavoro alla Sapienza, indicata ai Saperi, Formazione e Diritto allo studio; 3) Renato Costa, medico, alla Salute; 4) Luca Nivarra, giurista, esponente dei movimenti referendari di Rodotà indicato al Territorio, Ambiente e Beni comuni; 5) Ninni Bruschetta, attore e regista teatrale, indicato alla Cultura.

“I cinque primi esponenti della squadra di governo rappresentano tutti profili alti e competenze specifiche che mettiamo al servizio dei siciliani. Nessuna indicazione di partiti”, ha spiegato Fava.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fava ha ricordato che un altro contributo alla trasparenza e alla partecipazione, in una fase preoccupante di disaffezione dalla politica, è stato quello di mettere il programma a disposizione dei siciliani sul web. Si tratta di un programma interattivo che permetterà a chiunque di valutare e dare il proprio contributo direttamente sul sito. La versione definitiva del programma, prima del voto, verrà licenziata tenendo conto degli arricchimenti offerti dagli elettori. Questo è il primo caso in Italia di un piano di governo costruito con strumenti di democrazia telematica non tra gli iscritti ad un partito o un gruppo, ma tra tutti i siciliani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento