Terzo sondaggio di Datamonitor: resta in testa Nello Musumeci

Ecco i risultati del terzo sondaggio di Datamonitor sulle prossime elezioni regionali in Sicilia: nelle intenzioni di voto rilevate, resta in testa Nello Musumeci, in lizza per Pdl, Cantiere Popolare e La Destra

Ecco i risultati del terzo sondaggio di Datamonitor relativo alle intenzioni di voto per l'elezione del nuovo Presidente della Regione e dei deputati che comporranno l'Assemblea Regionale. Nelle intenzioni di voto rilevate, resta in testa Nello Musumeci, in lizza per Pdl, Cantiere Popolare e La Destra che però vede scendere le sue preferenze di un punto percentuale: 30% dei consensi contro il 31 della scorsa settimana.

Il suo diretto avversario Rosario Crocetta, candidato di Pd ed Udc cresce: 28% di voti, confermando il trend di un punto percentuale di crescita come nella precedente rilevazione Datamonitor. Invariata anche la terza posizione con Gianfranco Miccichè, in quota Grande Sud, Fli e Partito dei Siciliani che mantiene il 20% delle intenzioni di voto.

Stessa tendenza anche per Claudio Fava, candidato di Sel ed Idv che mantiene il 10% dei consensi come nel secondo sondaggio. Giancarlo Cancelleri del Movimento Cinque Stelle mantiene il risultato dell'8%. In questo sondaggio, inoltre, entrano in 'classifica' anche altri candidati, segno che la campagna elettorale sta entrando nel vivo della competizione: Cateno De Luca del Movimento Rivoluzione siciliana ottiene il 2%; Mariano Ferro dei Forconi e Davide Giacalone del Movimento LeAli alla Sicilia raggiungono l'1% dei voti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta alta la percentuale con un 42,6% fra indecisi e votanti pronti a inserire nell'urna schede bianche o nulle. In calo rispetto al 46% della scorsa settimana. Tra le liste per il rinnovo dell'Ars, danno sempre il Pdl al primo posto fra i partiti ma con un evidente calo rispetto alla rilevazione della scorsa settimana quando il Popolo della Liberta' era dato al 22%. Adesso perde tre punti percentuali attestandosi al 19%. Secondo partito e' il Pd che mantiene il suo 18%, quindi il Mpa-Partito dei siciliani che perde mezzo punto percentuale passando dal 12 all'11,5%. Invariato il risultato ottenuto dall'Udc che mantiene il suo 10% di voti. Quinto fra le rilevazioni sui partiti, il Movimento 5 Stelle con un -1 passando dall'8 al 7%. Quindi Grande Sud che guadagna mezzo punto e tocca il 6,5% delle preferenze. Cresce La Destra che passa dal 4 al 6% dei consensi. Come cresce l'apprezzamento per Sel che recupera un punto percentuale dal 3,5 al 4,5%. Stabili i valori rilevati per il Pid e per Fli che mantengono rispettivamente il 4% e il 2% dei voti. Perde invece l'IdV di Antonio Di Pietro e del sindaco Leoluca Orlando che passa dal 4,5% della rilevazione della scorsa settimana al 4%. Federazione della Sinistra all'1,2 con un -0,3% rispetto alla scorsa settimana e invariato lo 0,5% attribuito ai Verdi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Sangue in Corso Sicilia: accoltellato un uomo, residenti esasperati

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Incidente mortale a Trecastagni, perde la vita un minorenne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento