Di Maio: "Molto preoccupati per la libertà di voto alle regionali siciliane"

Il vicepresidente della Camera direttamente da Palermo chiama in causa l’Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa: "Vigili sulle prossime elezioni, occhio ai voti di scambio"

L’Osce, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, vigili sulle prossime elezioni regionali siciliane. A chiederlo è il Movimento 5 Stelle che stamani all’Ars a Palermo, attraverso il vice presidente della Camera Luigi Di Maio e il candidato presidente Giancarlo Cancelleri ha presentato ufficialmente la richiesta d’intervento.

“All’Osce si faranno una risata quando chiederemo il loro intervento per controllare i seggi e il regolare svolgimento delle elezioni siciliane perché ci sono impresentabili al momento solo segnalati da stampa e da una forza politica, perché la Commissione Antimafia ha problemi a reperire informazioni – ha detto Di Maio -. Saremmo lo zimbello del mondo. Il mio appello va alla presidente Bindi per partorire l’elenco prima delle elezioni. Noi interessiamo l’Osce per chiedere di monitorare il corretto svolgimento delle elezioni. Depositeremo nelle prossime ore una risoluzione alla Camera per impegnare il governo a chiedere la stessa cosa che chiederemo noi con due lettere, una a firma di Cancelleri e una mia come vicepresidente della Camera. Perché quello che abbiamo visto in questi giorni ci ha fatto rabbrividire”.

"Siamo molto preoccupati per la libertà di voto in Sicilia. Se questi sono i soggetti candidati, allora c'è un serio problema rispetto al voto d'opinione che potrebbe essere condizionato da personaggi che potrebbero approfittare del fatto che la Sicilia ha il doppio della disoccupazione nazionale - ha aggiunto Di Maio, parlando ancora delle liste pulite alle regionali dopo l'arresto del sindaco di Priolo Antonello Rizza, candidato all'Ars per il centrodestra -. Con questi soggetti le premesse per le promesse per i voti di scambio ci sono tutte. Chiediamo alla Commissione Antimafia l'elenco degli impresentabili. Noi lo abbiamo consegnato alla presidente Bindi. Si dice ci siano problemi di trasmissione delle informazioni tra Procure e Commissione, ma scherziamo? Facciamo ridere il mondo dicendo che l'elenco sarà fatto dopo le elezioni. Chi prendiamo in giro?".

Poi su Musumeci: “Io sono esterrefatto dal comportamento di candidati presidenti che si lavano le mani dicendo non votate i nostri impresentabili. Il candidato presidente di una colazione in questo modo ha già ammesso di essere ostaggio delle sue liste. Musumeci è già ostaggio dei suoi candidati che potrebbero diventare deputati prima ancora delle elezioni – ha aggiunto -. Ostaggio perché gli ha chiesto delle cose e non lo hanno ascoltato, e ora dice di non votarli. È questo quello che vogliamo per la Sicilia?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento