Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Marano (M5S): "Emergenza casa, serve cabina di regia"

La deputata punta il dito contro la mancata spesa dei fondi a disposizione per chi è difficoltà

È sull’emergenza abitativa e sulla mancata spesa dei fondi a disposizione che interviene la deputata regionale del Movimento Cinque Stelle Jose Marano. Come emerso dalla denuncia del sindacato degli inquilini Sunia, solo il 4,36% dei fondi messi a disposizione della Sicilia per la morosità incolpevole è stato utilizzato.

“Così come per i fondi europei anche con i fondi nazionali per l’emergenza abitativa non si riesce a produrre una spesa adeguata a fronte di una emergenza casa galoppante e di una povertà diffusa. A Catania un solo richiedente ha ricevuto il contributo per morosità incolpevole come denunciato dai sindacati. Il fondo è uno strumento, messo in campo dal ministero delle Infrastrutture, di sostegno al reddito delle categorie sociali più deboli per facilitare loro il pagamento del canone di locazione. Le risorse, tramite la Regione e l’assessorato alle Infrastrutture, vengono ripartite tra i Comuni. Questi ultimi dovrebbero erogarle agli inquilini che non riescono a pagare la pigione a seguito della perdita del lavoro”, ha affermato Jose Marano.

“La Sicilia aveva a disposizione circa 1 milione di euro ma ai cittadini questi sostegni non sono giunti. Dal 2014 al 2017 sono stati assegnati 4.566.783,45 euro,  le richieste di contributo sono state 104 e i fondi assegnati sono stati solo 41. Evidentemente c’è qualcosa che non funziona. Per questa ragione chiederò all’assessore regionale alle Infrastrutture un incontro per chiarire le criticità che si riscontrano specie alla luce, come anticipato dai sindacati, di un residuo di 5 milioni di euro che potrà essere utilizzato dalla Sicilia come fondo per il sostegno agli inquilini in difficoltà”, ha concluso la deputata del Movimento Cinque Stelle.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marano (M5S): "Emergenza casa, serve cabina di regia"

CataniaToday è in caricamento