Domenica, 26 Settembre 2021
Politica

Emergenza cenere, Suriano (misto): "La provincia di Catania abbandonata da Draghi e Musumeci"

La deputata del gruppo Misto Simona Suriano aveva presentato una interpellanza sulla dichiarazione dello stati d'emergenza

La deputata del gruppo Misto Simona Suriano aveva presentato una interpellanza sull’emergenza cenere, a seguito delle copiose ricadute avvenute da febbraio sino ai mesi estivi su tutto il territorio provinciale, chiedendo la dichiarazione dello stato di emergenza, esenzioni Imu per le aziende e sostegni per le imprese agricole gravemente danneggiate. La risposta del Governo, per il tramite del ministro delle Politiche Agricole, si è rivelata – secondo la deputata – “sconcertante”. “E’ sconcertante apprendere che sia il governo nazionale, con Draghi, sia il governo regionale, con Musumeci, abbiano letteralmente abbandonato la provincia di Catania lasciandola sepolta sotto cumuli di cenere e con cittadini, imprese ed enti locali alla canna del gas”, esordisce Suriano. “Il ministro dell’Agricoltura ha detto chiaramente, in risposta alla mia interpellanza, che non vi sono le condizioni per dichiarare lo stato di emergenza. Nonostante 50 parosissimi e 80 milioni di metri cubi di cenere questa non viene considerata una situazione di emergenza perché come dice testualmente il ministro gli eventi in argomento non risultano tali da giustificare l’adozione di misure che trascendono le capacità operative e finanziarie degli enti competenti in via ordinaria”. Quindi abbiamo un vulcano attivo che erutta sistematicamente e, secondo il governo Draghi, se ne dovrebbero occupare i Comuni e la Regione”. “La stessa Regione che, nonostante un primo stanziamento di fondi, si è dimostrata inadeguata. Basti pensare al capitolo agricoltura. La cenere ha distrutto interi raccolti, ha causato danni per milioni di euro alle aziende florovivaistiche ma lo Stato non ha dichiarato lo stato di mobilitazione poiché la Regione non ha fatto la conta dei danni e poi esplicita richiesta! Senza non ci fosse da piangere ci sarebbe da ridere. Poi la perla del ministro che ha chiosato dicendo che agli agricoltori e agli imprenditori conviene stipulare assicurazioni contro la cenere. In effetti se le risposte di Stato e Regione sono queste sembra essere l’unica strategia sensata!”. “Nella prossima legge di bilancio – conclude Suriano – presenterò degli emendamenti per prevedere ristori a famiglie e Comuni colpiti dall'emergenza cenere e contestualmente l’esenzione dell’Imu per le imprese agricole che certificano i danni subiti. Infine mi preme ringraziare la protezione civile regionale siciliana per l’ennesima prova di grande abnegazione in un contesto di assoluta emergenza tra le problematiche derivate dalla cenere ma anche dagli incendi e dai fenomeni alluvionali”, conclude la deputata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza cenere, Suriano (misto): "La provincia di Catania abbandonata da Draghi e Musumeci"

CataniaToday è in caricamento