Inchiesta Etna-Morosoli, M5S: "Via i privilegi per l'accesso ai crateri"

Secondo Gianina Ciancio, la gestione dell'accesso ai crateri sommitali dell'Etna è stata caratterizzata per decenni da privilegi e malaffare

“Ora più che mai è necessario intervenire per rivedere il sistema di concessioni sull’Etna e porre le basi per liberare il territorio da un monopolio che ha fatto per decenni il bello e il cattivo tempo”. Sono le parole della deputata regionale Gianina Ciancio, del Movimento 5 Stelle, dopo la chiusura della maxi-inchiesta, con 24 indagati, condotta dalla Procura di Catania sugli appalti dell’Etna e sul “sistema” Morosoli.

“Emerge un quadro sconcertante - commenta Ciancio - con tanti e gravissimi capi di accusa dei quali non entriamo nel merito, ma che indicano come la gestione dell'accesso ai crateri sommitali dell'Etna sia stata caratterizzata per decenni da privilegi e malaffare, a scapito dell’interesse pubblico. Abbiamo già sottoposto al governo regionale, nella persona del presidente Musumeci, un'approfondita relazione che indica come, secondo noi, sia possibile intervenire amministrativamente e legislativamente su questa vicenda. È un momento storico, che potrebbe portare finalmente ad una svolta nello sviluppo del territorio, ma per farlo servono regole certe e la collaborazione delle istituzioni coinvolte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento