Ferrandeli (+Europa) a Catania: "Fondi per depurazione non spesi e ricostruzione bloccata"

L'esponente del partito europeista nel territorio etneo per allargare il campo e a caccia di nuove adesioni fa il punto sulle emergenze da affrontare

Fabrizio Ferrandeli, già deputato regionale poi dimessosi di sua spontanea volontà e adesso consigliere comunale d'opposizione a Palermo, torna nel catanese per allargare il "campo" di + Europa, il movimento europeista che ha come riferimento Emma Bonino e che ha subito il recente addio di Bruno Tabacci.

Ferrandelli, da componente della segreteria del partito, nel catanese sta formando un direttivo e una rappresentenza più strutturata e ha incontrato esponenti del mondo dell'associazionismo e amministratori locali.

Nell'ultima tornata elettorale delle Europee il partito ha preso l'1,89% in Sicilia e l'1,39% in provincia di Catania con 4731 voti, contro i 5461 de La Sinistra che annoverava alcuni candidati etnei già noti nell'agone politico.

- Ferrandelli come si allarga il partito a Catania?

"Stiamo incontrando molte persone e siamo credibili perché veniamo da un percorso solido. A breve ci sarà un incontro a Napoli con Calenda, Richetti per un fronte comune. Siamo l'unico partito di opposizione al governo nazionale che non è sovranista. A Catania abbiamo incontrato associazioni, studenti, amministratori locali e stiamo facendo un lavoro di cucitura di queste realtà".

- Come si cresce sul territorio?

"Io amo stare molto sul territorio e tra la gente e quindi per crescere bisogna essere presenti, fare incontri, dare la possibilità alla gente di organizzarsi, di discutere. Stiamo costituendo dei gruppi e tornerò nel catanese tra un paio di settiane. Avremo un direttivo e un coordinatore".

- Come sono andate le elezioni europee e come vi ponete nel contesto attuale del centro sinistra?

"Alle Europee eravamo nati da pochissimo  e ci sono percentuali dalle quali partire per poter crescere. Siamo un'area che si distingue dal sovranismo pur facendo opposizione. La mossa di Renzi con il suo nuovo partito è politicamente intelligente perché ha spostato dirigenti e uomini d'apparato e si è seduto al tavolo delle trattative, ma non è una visione per il futuro o per una proposta politica alternativa. Noi vogliamo una politica che rappresenti la società e con tanti giovani pronti a spendersi. Io ormai mi considero una sorta di dinosauro della politica e ci sono tanti ragazzi con energie e forze fresche che vogliono spendersi, farò loro da apripista".

- Quali sono le battaglie che porterete avanti sul versante etneo?

"Le battaglie sono comuni a quelle della Sicilia: infrastrutture, spesa dei fondi Ue e sostegno all'agricoltura. Su Catania vi sono diverse infrazioni comunitarie per la mancanza di depurazione e ci sono 500 milioni da spendere per il territorio, per la tutela dell'ambiente, per il lavoro e ancora non si fa niente. Anzi essendo in infrazioni paghiamo anche delle sanzioni. Ma penso anche al viadotto Himera: da anni siamo bloccati. Una vergogna specie per i collegamenti che riguardano Catania e Palermo".

- A proposito di spesa dei fondi ancora la macchina della ricostruzione post sisma stenta a decollare...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Diciamo che non è partita per niente. Siamo all'anno zero, un altro tema importante su cui batterci. La nostra Chiara Guglielmino (del coordinamento etneo di + Europa; ndr) conosce benissimo la situazione e la segue costantemente. Non possiamo attendere i tempi della politica e della burocrazia. Lo stesso discorso vale per tutti i fondi europei non spesi dalla Regione: sono gli unici fondi per investire e non li sfruttiamo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cancro al colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce

  • Dopo una festa alla Playa accusa i sintomi del Coronavirus, minorenne positivo in isolamento domiciliare

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

  • Coronavirus, in Sicilia 7 nuovi contagi: 6 sono nel catanese

  • Incidente autonomo sull'asse dei servizi, un ferito grave

  • Allerta meteo arancione su Catania per possibili temporali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento