Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Coronavirus, Galvagno (FdI): "Un fondo straordinario per giornali, radio e tv"

Il deputato regionale ha presentato un atto ufficiale per chiedere il sostegno delle testate siciliane

"È fondamentale che la Regione Siciliana pensi a un aiuto concreto ai giornali e alle emittenti radiotelevisive commerciali locali. Nel corso dei lavori d’aula di ieri - annuncia l’onorevole Gaetano Galvagno (FDI) - ho presentato un ordine del giorno per includere nella finanziaria un fondo straordinario destinato alle testate giornalistiche e alle emittenti radiotelevisive commerciali siciliane, queste ultime presenti nelle graduatorie per l’anno 2019 approvate ai sensi del DPR n.149/2017".

"Il provvedimento - spiega il parlamentare regionale - è finalizzato anzitutto alla tutela della classe giornalistica che con grande senso di responsabilità, nonostante l’emergenza sanitaria in corso, riesce a garantire i suoi servizi fondamentali ai cittadini in termini di diritto all’informazione, prevenzione, conoscenza e lotta alla diffusione di pericolose fake news".

"La crisi economica conseguente all’emergenza sanitaria ha paralizzato il settore produttivo mettendo in ginocchio l’editoria sostenuta in prevalenza dal settore commerciale», osserva l’on. Galvagno. «Per evitare, dunque, che a pagarne le conseguenze siano i giornalisti, e scongiurare il ricorso massiccio alla cassa integrazione e all’interruzione delle collaborazioni esterne con i giornalisti e fotoreporter a P.Iva e a ritenuta d’acconto, ho proposto questa boccata d’ossigeno al mondo dell’informazione e all’editoria".

"Il servizio pubblico offerto da chi scrupolosamente si occupa di informare la collettività - aggiunge l’on. Elvira Amata, capogruppo di Fratelli d’Italia - va sostenuto nell’interesse sia del comparto produttivo specifico che dell’intera comunità. Pertanto, siamo certi non mancheranno risposte urgenti da parte della Regione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Galvagno (FdI): "Un fondo straordinario per giornali, radio e tv"

CataniaToday è in caricamento