Castiglione lascia la Provincia, si candida alle prossime elezioni

La decisione, nell'aria ormai da diversi mesi, è stata presa da Giuseppe Castiglione per potersi candidare alle elezioni politiche della prossima primavera

Ieri sera, al termine della Giunta, il presidente della Provincia si è dimesso dalla carica. La decisione, nell’aria ormai da diversi mesi, è stata presa da Castiglione per candidarsi alle elezioni politiche della prossima primavera. 

“E’ stato Alfano a chiedermi le dimissioni– ha dichiarato Castiglione ma è con grande dispiacere che rassegno le mie dimissioni, costretto dalle norme discriminatorie che regolano le candidature alle elezioni politiche”.

Secondo la legge elettorale, infatti, gli amministratori provinciali e i sindaci che governano le città sopra i ventimila abitanti devono dimettersi dalla carica istituzionale 180 giorni prima delle elezioni.

Giuseppe Castiglione ha lasciato, quindi, la carica con sei mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato.

Tengo a precisare che sono alla fine di un ruolo datomi dagli elettori che ho rispettato sino alla fine – continua Castiglione sto lasciando un ente che funziona. Il mio lavoro è sotto gli occhi di tutti e chiunque può valutarlo”.

Le sue mansioni istituzionali sono state trasmesse al vicepresidente di Palazzo Minoriti, Ruggero Razza, in attesa della nomina del commissariamento da parte della Regione.

Raffaele Stancanelli, invece,non ha alcuna intenzione di lasciare la sua carica e conferma la sua candidatura per un secondo mandato a Palazzo degli Elefanti: “Non ho certo intenzione di andarmene adesso che stiamo concludendo un percorso di risanamento per la città di Catania”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento