Liberiamo Catania, Manlio Messina traccia il bilancio dell'amministrazione Bianco

"I servizi sociali sono allo sbando più totale - afferma Messina - da ultimo il sindaco ha sottratto denaro a questo settore per fare gli orti sociali a Librino"

"Quello che è accaduto a Catania in altre città avrebbe portato alle dimissioni del sindaco e di tutta la sua giunta. Invece si continua a parlare a sproposito di legalità". È un fiume in piena Manlio Messina, consigliere comunale di Catania e portavoce provinciale di Fratelli d’Italia - AN, durante la conferenza stampa di questa mattina a Palazzo degli Elefanti per rimarcare gli scandali che negli ultimi mesi hanno colpito il comune di Catania.

"La politica catanese del sindaco Bianco è caratterizzata dalla paralisi piu’ totale e dalla inoperatività - dice Luciano Zuccarello, dirigente nazionale del partito e continua - Catania è una città nel caos che vive nel disordine amministrativo e con una giunta sorda rinchiusa nel palazzo,le esigenze dei cittadini sono ignorate" 

GUARDA L'INTERVISTA A MANLIO MESSINA

Il silenzio della città - Gli ordini professionali, i sindacati, il mondo dell’associazionismo non si sono sollevati in massa per chiedere le dimissioni di questa amministrazione denuncia Manlio Messina e prosegue: "Vogliamo costituirci parte civile ma siamo soprattutto curiosi di conoscere la posizione del comune. Si costituirà parte civile?" A rincarare la dose arriva anche il consigliere Ludovico Balsamo: "Il vice sindaco Consoli è stato più volte chiamato in causa dall’amministratore sulla vicenda Simei, ora non si può far la figura delle verginelle inconsapevoli, pretendendo l’eventuale costituzione di parte civile".

Le intercettazioni del sindaco Enzo Bianco -Manlio Messina si chiede: "È normale che un sindaco, chiamandolo al telefono, dia del cane sciolto ad un dirigente che fa una multa ad un’azienda?" La vicenda a cui fa riferimento Messina è al dirigente Cocina che pochi giorni dopo si è dimesso dall'incarico.  FdI – An alla Camera dei Deputati presenterà una interrogazione per chiedere al Ministro dell’Interno Minniti di approfondire la vicenda e accertare se sussistono i presupposti per procedere allo scioglimento del consiglio comunale.

Servizi sociali e i problemi del bilancio -"I servizi sociali sono allo sbando più totale – afferma Messina – da ultimo il sindaco ha sottratto denaro a questo settore per fare gli orti sociali a Librino". E sul bilancio non è meno tenero: "Vi è un chiaro disequilibrio sul bilancio e sul piano consuntivo dove sono i piani delle asseverazioni delle partecipate. Dopo sei mesi dall’approvazione del piano di riequilibrio non si hanno notizie sulla valutazione del Ministero. Si vuole tenere nascosto qualcosa?" 

Piano regolatore fermo da decine di anni -Nelle prossime ore verrà presentata una delibera sul piano regolatore generale di Catania, lo dichiara Ludovico Balsamo: "Secondo noi, il primo atto fondamentale alla base di una vera svolta, è l’adozione del piano regolatore della città. Solo attraverso questo strumento si può sbloccare l’economia e dare impulso a Catania. Io e Messina abbiamo presentato una delibera sul PRG. Siamo consapevoli che non troverà l’appoggio della maggioranza ma vogliamo comunque dare un segnale. Sarà certamente il primo punto per il nostro programma elettorale alle prossime amministrative, quando manderemo a casa questo centro sinistra incapace di amministrare anche un condominio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento