M5S, anche tra i parlamentari catanesi malumori e abbandoni

Santi Cappellani ha ufficialmente dato l'addio al Movimento, mentre c'è chi come Mario Giarrusso è a zero con le restituzioni nell'anno 2019

Anche nel Movimento Cinque Stelle catanese c'è maretta. Proprio Catania e provincia ha avuto, sinora, un ruolo importante all'interno del partito di Grillo e Casaleggio. Dalla città ai piedi del Vulcano sono infatti venuti ministri come Giulia Grillo, ormai ex, e Nunzia Catalfo. Una città che esprime anche diversi deputati regionali e nazionali e che sta vivendo un momento delicato proprio alla luce della diaspora in atto all'interno del Movimento.

L'ultimo ad annuciare il proprio addio è Santi Cappellani, parlamentare 29enne, che al quotidiano La Sicilia ha dichiarato di vedere troppa autoreferenzialità nel Movimento. Ha inviato una mail d'addio sera perché - come riporta il quotidiano cittadino - "non avrebbe senso rimanere in una squadra in cui non ci si riconosce più" e perché "avvertivo da tempo la profonda frustrazione" di "non poter rappresentare il temine di cui ci fregiamo" e "non poter rispondere ai territori per non minare gli equilibri di questo o quel governo".

Ma c'è anche il malumore di alcuni storici esponenti del Movimento in Senato come quello di Mario Giarrusso. L'avvocato pentastellato non ha compiuto, sinora, alcuna delle restituzioni degli emolumenti percepiti nel 2019 ed è stato più volte voce critica rispetto alle linea ufficiale dei grillini. Con lui, a essere in ritardo con la restituzione delle somme percepite come emerge dal sito tirendiconto.it, ci sono anche Santi Cappellani e Cristiano Anastasi.

Invece gli altri etnei del Movimento Cinque Stelle sono in linea con le restituzioni. Giulia Grillo ha rendicontato sino a giugno, Laura Paxia sino ad agosto e Simona Suriano sino a settembre. lnfine senato Tiziana Drago è in regola sino a giugno mentre Nunzia Catalfo sino a settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di sicuro anche a livello locale, con alcuni comuni che andranno al voto e a Catania dopo il caso "Grasso", vi saranno dei contraccolpi in un gioco di correnti tra ortodossi e scontenti ancora da decifrare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento