menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

M5S, il candidato Sindaco: "A Catania voti in cambio di lavoro"

Giovanni Grasso, candidato sindaco del M5S oggi spara a zero contro la prassi del voto di scambio. "Oggi il voto di scambio si è evoluto: si assicurano posti di lavoro, poltrone, girano soldi sottobanco", afferma

La polemica infuoca sin dalle prime ore del mattino sulla bacheca Facebook di Giovanni Grasso, candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle di Catania. A suscitare la verve del professore questa volta è la prassi del voto di scambio, contro la quale non vengono riservate certamente parole dolci, attaccando - tra gli altri - anche i candidati delle altre liste.

"In molti mi chiedono pareri sugli altri candidati alla carica di sindaco di questa città - scrive Grasso - Come ho già detto, la mia attenzione è concentrata sull’esposizione ed ampliamento del nostro programma e non sul ‘tiro al piccione’. Parliamo di voti invece. A Catania è prassi consolidata da decenni l’accaparramento di consensi in cambio di favori: un tempo bastava qualche busta di pasta, ricordate? Oggi il voto di scambio si è evoluto: si assicurano posti di lavoro, poltrone, girano soldi sottobanco".

"E’così che si confezionano i ‘pacchetti voto’ - continua - E un programma serio e approfondito per i catanesi? La possibilità di conoscere gli assessori in anticipo e dove e in che modo opereranno? Non pervenuti. Dopo le elezioni, gli eletti con il sistema di ‘io do una cosa a te e tu una a me’ appoggiati da miriadi di liste, interrompono i rapporti con i loro elettori e si limitano a proclami sui media. La loro celebrità torna a galla quando finiscono sulle cronache giudiziarie. Oggi un esercito di 1.200 persone e più, nomi e cognomi spalmati in liste e listerelle sotto simboli variopinti portano acqua al mulino dei soliti noti. Il MoVimento 5 Stelle, si presenta da solo con 60 candidati".

"Come sa chi ci segue, siamo soliti raccontare nel quotidiano cosa facciamo e intendiamo fare a tutti livelli. Ed è quanto realizzeremo a Palazzo degli Elefanti: apriremo sportelli per i cittadini dedicati alle varie problematiche, nessuno resterà più solo. La trasparenza - conclude - il rapporto aperto tra tutti noi, è espressione del nostro simbolo a 5 Stelle. Ma, a proposito: che fine hanno fatto i loghi di Forza Italia e PD? Non ci è pervenuta notizia sull’estinzione dei due partiti. Fenomeno locale di autocombustione?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento