Politica

M5S, il consigliere di municipalità Musumeci "lascia" i pentastellati

La decisione è arrivata dopo l'ultimo episodio che ha visto lo "scontro" tra il ministro Bonafede e il magistrato antimafia Di Matteo

Il consigliere della quinta municipalità Santo Musumeci lascia il Movimento Cinque Stelle e si dichiara indipendente. Il coriaceo, ormai ex, pentastellato non ha digerito l'ultima grave polemica nazionale in seno al Movimento: da una parte il ministro Bonafede e dall'altra il pm Nino Di Matteo. Per Musumeci non si può non sostenere Di Matteo in questa disputa e le sue idee sono entrate in rotta di collisione con la maggioranza del gruppo pentastellato più "filo Bonafede".

Ma diverse erano state le incomprensioni tra i pentastellati e Musumeci che, di recente, aveva invitato a Catania anche il senatore "dissidente" Gianluigi Paragone, poi espulso dal Movimento. Il consigliere Musumeci si è distinto per alcune battaglie sul territorio: dalle case dell'acqua all'apertura dell'isola ecologica costruita e mai attivata nella sua municipalità. Continuerà a fare politica per il quartiere, ha detto a Catania Today, e non traghetterà in altre forze politiche.

Con l'addio di Musumeci si indebolisce complessivamente la rappresentanza pentastellata nelle municipalità. Infatti nei mesi scorsi avevano lasciato, per approndare alla Lega, i consiglieri Marraffino e Strano. E a livello nazionale il catanese Mario Giarrusso, senatore, è stato di recente espulso dal M5S mentre Giulia Grillo, ex ministro alla Sanità, aveva manifestato qualche malumore sulla linea governativa cinque stelle.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

M5S, il consigliere di municipalità Musumeci "lascia" i pentastellati

CataniaToday è in caricamento