Mafia: Licandro (Pdci-Fds), solidarietà a Libera. Plateale sconfitta dello Stato

Il dirigente del Pdci-FdS quindi esprime solidarietà a Libera "per la sua dura e coraggiosa azione quotidiana"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

"Quando accadono fatti come questo siamo dinanzi alla plateale sconfitta dello Stato".

Lo ha detto Orazio Licandro, coordinatore della segreteria nazionale dei Comunisti italiani-Federazione della Sinistra, commentando l'attentato incendiario che a Belpasso ha distrutto diversi ettari del terreno confiscato al gruppo mafioso Riela e affidato in gestione alla cooperativa "Beppe Montana" di Libera.

Licandro distingue, sottolineando il lavoro di magistrati e forze dell'ordine "scrupolosi, che fanno il loro dovere, infliggono colpi ai clan mafiosi, sequestrano i patrimoni, cosa che più fa imbestialire i mafiosi" ma, fa notare, "poi cosa succede? Succede che, guarda caso, prima l'azienda di autotrasporti confiscata ai Riela è costretta a chiudere perché sempre quello Stato o altre istituzioni non hanno garantito le commesse e adesso l'agrumeto che era curato dai volontari di Libera prende misteriosamente fuoco. La lezione che se ne ricava è che guai a toccare i patrimoni dei clan".

Il dirigente del Pdci-FdS quindi esprime solidarietà a Libera "per la sua dura e coraggiosa azione quotidiana" e invita a fare "meno trionfalismi da parte dei signori del governo, ancorché tecnici, perché senza risorse e mezzi e soprattutto senza sostegno politico e legislativo a forze dell'ordine e magistratura il cancro mafioso non si debellerà".

 

Torna su
CataniaToday è in caricamento