Zes, Marano (M5S): “A Misterbianco lacrime di coccodrillo per occasione persa”

La Marano è intervenuta sulla recente istituzione delle zone economiche speciali e sull'esclusione di Misterbianco dalle agevolazioni

La deputata regionale del Movimento Cinque Stelle Jose Marano è intervenuta sulla recente istituzione delle zone economiche speciali e sull'esclusione di Misterbianco dalle agevolazioni previste per gli investimenti produttivi. “Fa specie leggere determinati interventi di ex amministratori della città di Misterbianco – dice Marano - che inveiscono contro il destino cinico e baro anziché inveire contro sé stessi. In particolare trovo grottesco che Matteo Marchese, ex vicesindaco e ex assessore dell’amministrazione Di Guardo si indigni, a scoppio ritardato, con una Giunta di cui faceva parte".

"Infatti le Zes, occasione di sviluppo e di crescita economica, potevano essere una realtà anche per la nostra comunità se solo il Comune, guidato dall'allora sindaco Di Guardo, avesse preso atto di una manifestazione d'interesse emanata dalla Regione lo scorso 9 agosto per potersi proporre come zona economica speciale. Quell'invito della Regione è stato, purtroppo, disatteso ed è rimasto lettera morta con la conseguenza che Misterbianco è fuori e adesso spuntano fuori le lacrime di coccodrillo degli ex amministratori. Con l'esclusione dalle Zes Misterbianco sarà circondata da Comuni, come Paternò e Belpasso, che potranno offrire condizioni migliori ai potenziali investitori e questo rappresenterà un grave danno economico per il nostro territorio. Il danno dell'ex amministrazione si riverbera così, oltre che per l'infamia dello scioglimento - conclude Marano - anche per una mancata occasione di sviluppo che pagherà Misterbianco, da sempre storico polo commerciale che poteva amplificare la sua naturale vocazione verso gli investimenti. Così non sarà e i cittadini se ne ricorderanno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Coronavirus, in Sicilia 1.913 nuovi casi e 40 morti: a Catania +486 contagi

Torna su
CataniaToday è in caricamento