Operazione della Dia a Paternò, il plauso di Saitta (M5S): “Caporalato vera e propria piaga sociale"

Il deputato interviene in merito all’operazione che ha portato alla confisca di un patrimonio di circa 10 milioni di euro a un imprenditore agricolo

Il deputato del Movimento Cinque Stelle Eugenio Saitta interviene in merito all’operazione della Dia di Catania che ha portato alla confisca di un patrimonio di circa 10 milioni di euro a un imprenditore agricolo di Paternò.

“I miei complimenti alle forze dell’ordine e agli inquirenti per questa operazione che testimonia la grande attenzione che c’è per il nostro territorio. In particolare l’operazione va a colpire i frutti “marci” e fraudolenti del caporalato e dello sfruttamento dei lavoratori nelle campagne. Una vera e propria offesa per la stragrande maggioranza dei nostri imprenditori agricoli che, invece, affrontano la crisi a testa alta e nel pieno rispetto delle leggi. Lo sfruttamento del lavoro che avrebbe portato all’accumulo di un capitale esorbitante e bene hanno fatto le forze dell’ordine ad intervenire e ad applicare le misure di contrasto in tema di caporalato. Misure che prevedono, grazie alle modifiche apportate al “codice antimafia”, l’avvio di indagini finalizzate all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati", ha affermato Saitta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • Coronavirus, Musumeci: "Scuole chiuse solo a Palermo. Sicilia non è zona rossa né gialla"

Torna su
CataniaToday è in caricamento